Approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto Crescita 2.0

Ieri è stato approvato dal Consiglio dei Ministri il Decreto Crescita 2.0 che coinvolgerà infrastrutture e servizi digitali, la creazione di nuove imprese innovative (startup), strumenti fiscali per agevolare la realizzazione di opere infrastrutturali con capitali privati, attrazione degli investimenti esteri in Italia, interventi di liberalizzazione in particolare in campo assicurativo sulla responsabilità civile auto.

Il Decreto vuole modernizzare le strutture dello Stato e renderlo competitivo in campo europeo e mondiale, un Decreto essenziale per lo sviluppo futuro di nuove idee e progetti. Innovazione, sviluppo, ricerca, saranno queste le tre parole chiave del prossimo futuro e dell’immediato presente.

Bisognava sbloccare una situazione che avevo reso il paese fermo su schemi e progetti ormai vecchi, con le connessioni internet tra le più lente d’Europa.

Tra i principali punti del Decreto sottolineiamo:

1- Agenda Digitale Italiana

Vengono recepiti nel nostro ordinamento i princìpi dell’Agenda Digitale Europea. L’agenda digitale presentata dalla Commissione europea è una delle sette iniziative faro della strategia Europa 2020, che fissa obiettivi per la crescita nell’Unione europea (UE) da raggiungere entro il 2020. Questa agenda digitale propone di sfruttare al meglio il potenziale delle tecnologie dell’informazione e della comunicazione (TIC) per favorire l’innovazione, la crescita economica e il progresso [europa.eu]

2- Documento digitale unificato – Carta di identità elettronica e tessera sanitaria
3- Anagrafe unificata, censimento annuale della popolazione e Archivio delle strade
4- Domicilio digitale del cittadino e obbligo di PEC per le imprese (indirizzo di posta elettronica certificata)
5- Amministrazione digitale: Pubblicazione dati e informazioni in formato aperto, Biglietti di viaggio elettronici e sistemi di trasporto intelligente, Procedure digitali per acquisto di beni e servizi, Trasmissione obbligatoria di documenti per via telematica, Pubblicizzazione dei dati della PA (Pubblica Amministrazione).
6- Servizi e innovazioni per favorire l’Istruzione digitale
7- Forte impulso per la banda larga e ultralarga: portando la connessione a almeno 2 mbps nelle zone non ancora coperte e nelle aree a fallimento d’impresa e 150 milioni di euro per finanziare gli interventi nelle aree del centro-nord.

Altre innovazioni nel campo della Giustizia, sulle Fatturazioni, e sulle città. Si cercherà di realizzare città intelligenti, e comunità intelligenti. Le comunita’ intelligenti sono partecipative, promuovono l’emersione di esigenze reali dal basso, l’innovazione sociale e prevedono meccanismi di partecipazione, inclusione sociale e efficienza delle risorse – attraverso il riuso e la circolazione delle migliori pratiche. [cit]

Sono state create e verranno create norme per favorire la nascita e la gestione di imprese innovative (startup), con la descrizione e la caratteristica illustrate in questo link.

Ottimizzazione delle risorse, gestione migliore dei capitali finanziari e anche dei capitali umani, lo Stato con queste Norme cercherà di aiutare le nuove imprese ad espandersi e le nuove idee a crescere e diventare reali.

fonte foto: vostrisoldi

Commenti

commenti