Juve sola al comando, crolla Milano. Migliori e peggiori del Fantacalcio

La Juventus prova la fuga solitaria, confermandosi una volta di più la favorita numero uno (e forse unica) per lo Scudetto. Milano crolla, con le sconfitte, clamorose e bruttissime, di Inter e Milan, già distanti anni luce dalla vetta. Queste le indicazioni che arrivano dalla quarta giornata di campionato, quando già si cominciano a leggere i risultati con un po’ più di credibilità. I bianconeri dominano il Chievo, vincono con doppietta di Quagliarella e non vedo rivali all’altezza all’orizzonte. Non lo è stato, almeno stavolta, il Napoli, incapace di superare il Catania giocando in 11 contro 10 tutta la partita. E non lo sembra neppure la Lazio, che ha dominato contro il Genoa, raccogliendo zero punti. Non lo sono e forse non lo saranno mai in questa stagione Inter e Milan: i nerazzurri confermano la sindrome da San Siro, perdendo contro il modesto ma coriaceo Siena, i rossoneri offrono una prova deludente a Udine, rilanciando i friulani. L’unica a poter guadagnare qualche punto sulle rivali avrebbe potuto essere la Roma, se la partita contro il Cagliari non fosse stata assurdamente rinviata per motivi di ordine pubblico. Per il resto, pareggio scoppiettante tra Parma e Fiorentina e tra Bologna e Pescara (in totale 4 rigori assegnati nelle due partite, tre sbagliati). Stesso risultato, ma molto meno spettacolo tra Samp e Torino, che dimostrano però di poter raggiungere la salvezza senza eccessivi patemi. Infine, vittoria dell’Atalanta, che rovina la prima di Gasperini sulla panchina del Palermo.  E domani si torna già in campo.

 

ATALANTA – PALERMO            1 – 0

L’Atalanta “rovina” l’esordio di Gasperini sulla panchina del Palermo, che cambia allenatore senza cambiare il risultato in campo. Partita bruttina, con primo tempo di marca rosanero (ma la mano del Gasp ancora non si vede), nella ripresa l’ingresso di De Luca sposta l’equilibrio del match dalla parte atalantina. I rosanero dovranno lavorare ancora molto e magari studiare qualche novità di gioco e uomini. L’Atalanta si gode una classifica già tranquilla e senza penalizzazione, anche quest’anno, sarebbe a ridosso delle prime.

GOL: Raimodni (88′)

ASSIST: Cigarini

AMM./ESP.: Manfredini, Lucchini, Cigarini, Troisi; Donati, Giorgi, Ilicic

I MIGLIORI: Consigli, Raimondi, Cigarini, De Luca;

I PEGGIORI: Ferri, Brivio, Bonaventura, Moralez; Giorgi, Hernandez, Miccoli

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Consigli; Barreto

CI SIAMO SBAGLIATI: Raimondi; Munoz

 

BOLOGNA – PESCARA          1 – 1

Il Pescara trova il suo primo punto stagionale grazie ad una partita fatta di difesa e contropiede, con tutte le azioni offensive affidate ai giovani interessantissimi Quintero e Vukusic. Il Bologna si complica la vita da solo, perché la gara era iniziata in discesa con il gol di Gilardino, nella ripresa l’episodio che poteva segnare la svolta: rigore di Diamanti ed espulsione del portiere ospite Perin. Ma il numero 23 felsineo si fa parare il tiro da Pelizzoli e i seguenti tentativi del Bologna di agguantare la vittoria si infrangono contro la difesa (traballante anche oggi) abruzzese.

GOL: Gilardino (B)(9′), Quintero (P)(41′)

ASSIST: Garics

AMM./ESP.: Kone; Cascione, Bjarnason, Quintero

I MIGLIORI: Garics, Gilardino; Pelizzoli, Balzano, Nielsen, Quintero, Caprari

I PEGGIORI: Agliardi, Diamanti, Pazienza, Pulzetti; Perin, Cascion

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Gilardino; Quintero

CI SIAMO SBAGLIATI: Diamanti; /

 

CATANIA – NAPOLI              0 – 0

Il Catania riesce nell’impresa di resistere per 90′ minuti in dieci uomini per l’espulsione di Alvarez al 2′, ma il Napoli ci mette del suo, con una prestazione deludente soprattutto in fase offensiva. Forse si fanno sentire le fatiche di coppa, ma per gli uomini di Mazzarri è un’occasione persa, anche perché la Juve già fa le prime prove di fuga. Punto che vale invece una vittoria per gli etnei, che nel finale sfiorano addirittura il gol partita con Gomez, ma onestamente sarebbe stato troppo.

AMM./ESP.: Legrottaglie, Almiron, Bergessio; Zuniga, Aronica, Inler, Vargas / Alvarez

I MIGLIORI: Bellusci, Spolli, Marchese, Gomez; De Sanctis, Campagnaro, Cannavaro

I PEGGIORI: Alvarez, Biagianti, Lodi; Hamsik, Inler, Maggio, Zuniga, Pandev, Vargas

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Gomez; /

CI SIAMO SBAGLIATI: Lodi; Pandev

 

INTER – SIENA                0 – 2

Incredibile a San Siro, che resta tabù per l’Inter. Ma la sconfitta casalinga contro il Siena è quella che fa più male in questo sciagurato avvio di stagione, almeno in casa, per la banda Strama. Non che il Siena domini, anzi, ma capitalizza al massimo le occasioni capitategli sul finale di gara, proprio quando l’Inter avrebbe dovuto spingere a pieni giri e invece si è via via spenta lasciando scoperto il fianco ai contropiede toscani. Moratti conferma fiducia illimitata a Stramaccioni e approva addirittura quella difesa a 3 che costò la panchina un anno fa a Gasperini. Ma se non si cambia marcia, si prospetta un’altra brutta stagione per i nerazzurri. Partita perfetta, al contrario, per la squadra di Cosmi, ormai vicinissima ad annullare, dopo appena quattro partite, il segno meno in classifica.

GOL: Vergassola (73′), Valiani (92′)

ASSIST: Calaiò, Sestu

AMM./ESP.: Juan Jesus; Pegolo, Angelo, Rosina, Calaiò

I MIGLIORI: Ranocchia, Cassano; Pegolo, Paci, Vergassola, Valiani, Sestu, Calaiò

I PEGGIORI: Handanovic, Juan Jesus, Alvarez, Guarin, Milito; Angelo

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Cassano; Vergassola

CI SIAMO SBAGLIATI: Milito; Pegolo

 

JUVENTUS – CHIEVO                  2 – 0

Prove di fuga per la Juventus, troppo forte per questo Chievo e, apparentemente, anche per le rivali scudetto che crollano tutte. A Torino non c’è partita, anche perché Quagliarella dimostra di essere in forma super, segnando una splendida doppietta e candidandosi anche ad un posto da titolare, visto il rendimento fin qui dimostrata da tutti gli aspiranti al ruolo di partner per Vucinic. Un vero e proprio monologo quello bianconero, con il risultato che avrebbe potuto essere molto più ampio se Sorrentino non avesse fatto il fenomeno per tutta la partita (e tocca pure le conclusioni di Quagliarella sui due gol). La Juve, questa Juve, non ha rivali. Il Chievo cercherà punti altrove.

GOL: Quagliarella (J)(63′ e 68′)

ASSIST: Asamoah, Giaccherini

AMM./ESP.: Sorrentino, Moscardelli

I MIGLIORI: Lucio, Bonucci, Asamoah, Giaccherini, Quagliarella; Sorrentino, Cesar, L. Rigoni

I PEGGIORI: Isla, Pogba, Vucinic; Frey, Vacek, Cruzado, Pellissier, Thereau

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Quagliarella; L. Rigoni

CI SIAMO SBAGLIATI: Lucio; Cesar

 

LAZIO – GENOA                 0 – 1

La Lazio domina tutta la partita, dimostrando con il gioco di poter lottare per posizioni di vertice. Ma in attacco i vari Kozak, Zarate, Candreva ed Hernanes sprecano troppo, un po’ per demeriti propri e un po’ per i miracoli di Frey. Il Genoa, al contrario del solito, gioca una partita tutta sulla difensiva, affidandosi soltanto a sporadici contropiede, ma blinda la difesa e sfrutta al massimo l’occasione di Borriello. E questo ha fatto la differenza. I biancocelesti possono comunque guardare al futuro con ottimismo, mentre per i rossoblu si tratta di tre punti d’oro, in attesa di trovare l’amalgama definitivo.

GOL: Borriello (79′)

ASSIST: Antonelli

AMM./ESP.: Candreva; Borriello

I MIGLIORI: Cavanda, Candreva, Hernanes; Frey, Antonelli, Canini, Granqvist, Kucka, Borriello

I PEGGIORI: Biava, Lulic, Kozak, Zarate; Anselmo, Merkel, Immobile

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Hernanes; Borriello

CI SIAMO SBAGLIATI: Biava; Immobile

 

PARMA – FIORENTINA                 1 – 1

Partita pazza a Firenze, con rigori decisivi, nel bene e nel male. Nel primo tempo, Roncaglia illude i Viola con un gol strepitoso da 25 metri e poi con un palo su cross di Fernandez, legittimando il vantaggio della Fiorentina. Nella ripresa, la lotteria dei rigori rimette il risultato in parità (giusto) in modo assolutamente rocambolesco: primo rigore Parma, Valdes si fa parare il tiro da Viviano; poi rigore Fiorentina, Mirante respinge su Jovetic; infine, in pieno recupero, secondo rigore per i ducali e questa volta Valdes non sbaglia. Partita non spettacolare, ma due squadre che hanno dimostrato di poter disputare un campionato tranquillo e di potersi pure togliere qualche soddisfazione.

GOL: Roncaglia (F)(20′), Valdes (P)(rig. 93′)

ASSIST:

AMM./ESP.: Benalouane, Galloppa, Valdes; Cuadrado, Pizarro, Toni / Rosi

I MIGLIORI: Mirante, Paletta, Valdes, Amauri; Viviano, Roncaglia, Rodriguez, Cassani, Fernandez

I PEGGIORI: Rosi, Parolo, Belfodil, Pabon; Jovetic, Toni

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Mirante; Roncaglia

CI SIAMO SBAGLIATI: Jovetic; Belfodil

 

SAMPDORIA – TORINO                 1 – 1

Pareggio sostanzialmente giusto. Il Torino va a Marassi a giocarsi la sua partita e lo fa pure discretamente, mentre la Samp ha le occasioni migliori, viene fermata dai miracoli di Gillet, ma non impressiona sul piano del gioco. I doriani, comunque, si godono una classifica che resta sorprendente, mentre il Toro guadagna punti preziosi e si conferma squadra solida, attrezzata per raggiungere la salvezza.

GOL: Bianchi (T)(rig. 69′), Pozzi (S)(rig. 84′)

ASSIST:

AMM./ESP.: Gastaldello, Krsticic, Soriano, Maxi Lopez; Darmian, Glik, Ogbonna, Meggiorini

I MIGLIORI: Gastaldello, Maresca, Eder, Pozzi; Gillet, Ogbonna, Cerci, Bianchi

I PEGGIORI: Costa, Krsticic, Soriano; Darmian, Glik, Santana, Meggiorini

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Eder; Bianchi

CI SIAMO SBAGLIATI: Maxi Lopez; Santana

 

UDINESE – MILAN                 2 – 1

Udine apre ufficialmente la crisi milanista, con appena 3 punti conquistati nelle prime quattro giornate. Stando alle dichiarazioni ufficiali, Allegri non rischia, ma se non inverte presto la tendenza (con un nuovo modulo ? il lancio di Bojan ?) difficile pensare che possa chiudere la stagione. Serve limitare anche il nervosisimo, visto che il Milan ha chiuso in nove. Boccata d’ossigeno vitale per l’Udinese, squadra che fin qui aveva deluso a tal punto da far pensare ad un clamoroso addio di Guidolin. Pericolo scongiurato, anche se questa Udinese sembra lontana da quella delle ultime due stagioni.

GOL: Ranegie (U)(39′), El Shaarawy (M)(54′), Di Natale (U)(rig. 68′)

ASSIST: Benatia, Pazzini

AMM./ESP.: Coda, Pinzi; Ambrosini / Zapata, Boateng

I MIGLIORI: Benatia, Pereyra, Di Natale, Ranegie; El Shaarawy

I PEGGIORI: Faraoni, Badu; Abbiati, Mesbah, Zapata, Mexes, Boateng, Nocerino

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Di Natale; El Shaarawy

CI SIAMO SBAGLIATI: Pereyra; Boateng

Commenti

commenti