Il butirro: un formaggio dal cuore “morbido”

Impossibile non riconoscere i butirri! Questo formaggio tipico della Calabria, figlio delle antiche tradizioni contadine e noto sin dal cinquecento, è prodotto soprattutto nelle zone di Cosenza e Catanzaro. Il suo aspetto è inconfondibile: l’involucro esterno di pasta filata, molto simile al caciocavallo, racchiude al suo interno un morbido cuore di burro.

Si consumano freschi o leggermente stagionati; hanno sapore di latte, più delicato, se consumati entro una settimana dalla produzione, ma già dopo un mese assumono un caratteristico sapore leggermente piccante. Il cuore di burro è ottimo da usare come condimento di vari piatti, o spalmato su delle bruschette.

I butirri, secondo un’antica tradizione calabrese, per assumere il loro sapore particolare, dovrebbero essere preparati esclusivamente con latte di mucche che hanno partorito da non più di un anno; infatti, il latte prodotto in questo periodo ha una percentuale di grasso più alta. La produzione si effettua tra la primavera e l’estate.

Difficilmente i butirri si trovano lontano dalla Sila, lì dove questo formaggio delizioso è creato ancora in modo artigianale. Si possono comunque trovare nei negozi di specialità e formaggi tipici, oltre che nelle aree di sosta automobilistiche della zona.

Commenti

commenti