Serie A: Migliori e peggiori del Fantacalcio

Giornata ricca di conferme per le squadre di testa e qualche sorpresa. Juventus, Napoli e Lazio dimostrano di meritare la testa della classifica, non solo per i risultati, ma anche per il gioco espresso. Quella che soffre di più, semmai, è proprio la Juve che va sotto contro il Genoa e rimonta grazie a Vucinic e Asamoah, partiti in panchina. Tutto facile invece per campani e biancocelesti contro Parma e Chievo. La sorpresa è la Roma, protagonista di un autentico suicidio sportivo all’Olimpico: sopra di due reti, si fa rimontare e superare nei 20 minuti finali con un black out preoccupante. Se Zeman non dà continuità alla sua squadra, si preannuncia una stagione in salita. Conferme anche dall’Inter, cinica a Torino, e dalla sorprendente Sampdoria di Ferrara, vittoriosa su un campo di un Pescara che più zemaniano di così non si può, anzi sì, perchè è “stroppiano”. Nella sfida del grande ex Montella, la Fiorentina ha la meglio sul Catania, con uno Jovetic dirompente. Siena e Udinese si accontentano di un pareggio che non “accontenta” nessuno.

 

CHIEVO – LAZIO            1 – 3

Non finisce di stupire la Lazio di Petkovic, accolta con sospetto all’inizio di questo campionato ma sempre vittoriosa. Contro lo straripante potere biancoazzurro il Chievo può poco, anche se le sue occasioni le crea con Hetemaj, Moscardelli e Pellissier, ma sciupa troppo. Nella Lazio, invece, funziona tutto bene e se Hernanes si mette a fare il fenomeno, Klose trasforma mezza palla in gol e Marchetti blinda la porta, allora nessun traguardo è precluso.

GOL:Hernanes (L)(2)(5′ e 74′), Klose (L)(37′), Pellissier (C)(rig. 83′)

ASSIST:

AMM./ESP.: Dainelli, Sardo, Cesar; Cavanda, Ledesma

I MIGLIORI: Pellissier; Marchetti, Biava, Gonzalez, Hernanes, Klose

I PEGGIORI: Sorrentino, Cesar, Sardo, L.Rigoni, Di Michele, Thereau; Dias

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Pellissier; Klose

CI SIAMO SBAGLIATI: Thereau; Biava

 

FIORENTINA – CATANIA        2 – 0

Montella batte la sua ex squadra confermando quanto di buono si dice di questa nuova Fiorentina e godendosi uno Jovetic semplicemente splendido. La differenza la fanno proprio i singoli, perché invece nel Catania Lodi e Gomez, gli uomini più temuti, risultano invece tra i peggiori. Per la Viola, ennesima iniezione di fiducia (con la lieta novella del gol del discusso Toni all’esordio), gli etnei invece dovranno probabilmente soffrire un po’ di più rispetto agli ultimi anni.

GOL: Jovetic (43′), Toni (65′)

ASSIST: Ljajic, Jovetic

AMM./ESP.: Pizarro, Ljajic, Jovetic; Spolli, Gomez

I MIGLIORI: Viviano, Roncaglia, Pizarro, Ljajic, Jovetic, Toni; Bergessio

I PEGGIORI: Andujar, Legrottaglie, Castro, Gomez, Lodi

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Jovetic; –

CI SIAMO SBAGLIATI: Tomovic; Gomez

 

GENOA – JUVENTUS            1 – 3

Quando si dice “partita dai due volti”. A Marassi è successo proprio questo. Nel primo tempo, una Juventus irriconoscibile, soprattutto in difesa, lascia campo al Genoa che imperversa nella metà campo bianconera a piacimento, segna con Immobile, prende un palo con Sampirisi e spreca un paio di nitide occasioni per raddoppiare. A inizio ripresa cambia poco, i rossoblu continuano a sbagliare l’impossibile, colpiscono un altro legno (traversa di Borriello), mentre la Juve è pericolosa solo con un palo di Giovinco. Poi Conte/Carrera decidono di inserire Vucinic e Asamoah e la partita cambia, grazie soprattutto al montenegrino, vero top player di questa squadra. Juve a punteggio pieno, il Genoa può solo fare mea culpa per una partita che avrebbe potuto chiudere con largo anticipo.

GOL: Immobile (G)(18′), Giaccherini (J)(61′), Vucinic(J)(rig. 78′), Asamoah (J)(84′)

ASSIST: Bertolacci, Vucinic

AMM./ESP.: Canini, Immobile; Bonucci, Barzagli, Pirlo

I MIGLIORI: Kucka, Borriello, Immobile; Buffon, Asamoah, Giaccherini, Vucinic

I PEGGIORI: Frey, Granqvist, Sampirisi; Barzagli, Bonucci, Caceres, Matri

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Immobile; Vucinic

CI SIAMO SBAGLIATI: Antonelli; Marchisio

 

NAPOLI – PARMA                3 – 1

Napoli straripante, conferma che quest’anno, con ogni probabilità, l’anti Juve sarà proprio lui. Tutto facile per gli uomini di Mazzarri, grazie soprattutto ai nuovi tre tenori Cavani-Hamsik-Pandev (degno sostituto di Lavezzi, insieme a Insigne, in gol pure lui). Nel primo tempo partita già chiusa, anche perché il Parma è troppo spuntato per fare male, se si eccettua il bel gol di Parolo. Napoli vola, il Parma di Donadoni paga un calendario non certo facile in queste prime tre partite, ma ha le qualità per fare un campionato tranquillo e mancavano alcuni big come Biabiany e Amauri.

GOL: Cavani (N)(rig. 3′), Pandev (N)(39′), Parolo (P)(44′), Insigne (N)(77′)

ASSIST: Hamsik, Ninis, Pandev

AMM./ESP.: Inler; Mirante, Rosi, Galloppa, Valdes

I MIGLIORI: Campagnaro, Hamsik, Cavani, Insigne, Pandev; Rosi, Ninis, Parolo

I PEGGIORI: De Sanctis, Zuniga, Inler; Mirante, Zaccardo, Valdes, Acuah

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Cavani; Parolo

CI SIAMO SBAGLIATI: De Sanctis; Valdes

 

PESCARA – SAMPDORIA                2 – 3

Partita ricca di emozioni tra le due neopromosse che apparentemente hanno lo stesso obiettivo, anche se la Samp punta ad una salvezza tranquilla e magari qualcosa di più, mentre il Pescara vede già la permanenza in serie A come un mezzo miracolo. In realtà la squadra di Stroppa non dispiace affatto: attacca con continuità, colpisce due legni (due volte il promettente Vukusic) e tiene bene il campo, ma la Samp è spietata e segna praticamente in ogni occasione creata. Gli abruzzesi dovranno sistemare la difesa e poi cominceranno a far punti, i blucerchiati mettono in cascina punti preziosi per i momenti bui che arriveranno.

GOL: Maxi Lopez (S)(31′), Estigarribia (S)(60′), Celik (P)(74′), Maxi Lopez (S)(76′), Caprari (P)(90′)

ASSIST: Eder, Krsticic, Quintero 2, Soriano

AMM./ESP.: Capuano, Cascione, Weiss; Soriano, Eder

I MIGLIORI: Quintero, Caprari, Celik, Vukusic; Estigarribia, Soriano, Obiang, Krsticic, Eder, Maxi Lopez

I PEGGIORI: Perin, Balzano, Zanon, Capuano; Berni, Rossini

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Quintero; Maxi Lopez

CI SIAMO SBAGLIATI: Weiss; Berardi

 

ROMA – BOLOGNA                 2 – 3

Clamoroso all’Olimpico, dove Zeman conferma la fragilità difensiva (e forse psicologica) delle sue squadre. La Roma domina per 70 minuti, va in rete due volte e ne sfiora altrettante, lascia al Bologna pochissimo campo e occasioni, poi… In due minuti i felsinei pareggiano con due azioni estemporanee, i giallorossi vanno in confusione, pasticciano e regalano con un’incredibile incomprensione Stekelenburg – Burdisso, il gol del 2-3 a tempo scaduto. Niente da fare, Zeman deve trovare continuità se vuole sfatare il tabù di allenatore bello e perdente. Tre punti pesantissimi per il Bologna di Pioli, tenuto a galla da Agliardi, Diamanti e Gilardino.

GOL: Florenzi (R)(6′), Lamela (R)(16), Gilardino (B)(2)(72′ e 91′), Diamanti (B)(73′)

ASSIST: Kone, Gilardino

AMM./ESP.: Castan, Balzaretti, Pjanic, Tachtsidis, Totti; Morleo, Perez, Diamanti

I MIGLIORI: Florenzi, Lamela, Totti; Pulzetti, Kone, Diamanti, Gilardino

I PEGGIORI: Stekelenburg, Burdisso, Castan, Piris, Destro; Guarente, Perez

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Florenzi; Diamanti

CI SIAMO SBAGLIATI: Destro; Guarente

 

SIENA – UDINESE                 2 – 2

Pareggio che probabilmente non sta bene a nessuno. L’Udinese si illude di aver vita facile e avrebbe pure ragione, visto che dopo appena cinque minuti è già sopra 2-0. Ma, si sa, le squadre di Cosmi non mollano mai e se devi pure giocare in 10 contro 11 (espulsione di Lazzari, oltre che di Guidolin, a inizio ripresa), tutto si fa più difficile. I toscani hanno il merito di crederci, Cosmi quello di mandare in campo Ze Eduardo, decisivo per la rimonta. La classifica resta però deficitaria per entrambe: Siena ancora col segno meno, Udinese con un misero punto, quello conquistato ieri.

GOL: Basta (U)(3′), Di Natale (U)(5′), Calaiò (S)(70′), Ze Eduardo (S)(rig. 77′)

ASSIST: Basta, Sestu

AMM./ESP.: Neto, Ze Eduardo; Danilo, Domizzi / Guidolin, Lazzari

I MIGLIORI: Angelo, Sestu, Calaiò, Ze Eduardo; Basta, Pinzi, Di Natale

I PEGGIORI: Pegolo, Del Grosso, Rubin, Rodriguez; Padelli, Domizzi, Danilo, Lazzari

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Calaiò; Di Natale

CI SIAMO SBAGLIATI: Ze Eduardo; Lazzari

 

TORINO – INTER                 0 – 2

L’Inter in trasferta piace e soprattutto non sbaglia un colpo, anche se il Torino non demerita e impensierisce i nerazzurri. Stramaccioni punta su una gara tutta sostanza con l’unica punta Milito supportata da Sneijder e l’esperimento funziona. I granata cercano di pungere in contropiede e negli spazi larghi, ma Handanovic deve superarsi solo in un’occasione su Bianchi. Se il passo falso interno contro la Roma è stato solo un incidente di percorso, questa Inter può dire la sua per lo Scudetto. Ventura si consola con una buona prestazione, anche se alcuni dei nuovi (Cerci su tutti) devono ancora integrarsi.

GOL: Milito (13′), Cassano (83′)

ASSIST: Alvarez

AMM./ESP.: Masiello, Glik, Gazzi, Bianchi; Handanovic, Nagatomo, Juan Jesus, Guarin

I MIGLIORI: Ogbonna, Meggiorini; Handanovic, Juan Jesus, Ranocchia, Alvarez, Cassano, Milito

I PEGGIORI: Masiello, Gazzi, Stevanovic; Nagatomo

VE LI AVEVAMO CONSIGLIATI: Ogbonna; Milito

CI SIAMO SBAGLIATI: Bianchi; Ranocchia

Commenti

commenti