Vuelta 2012: vince Cummings, lacrime per Viviani

Si è corsa ieri la tredicesima tappa della Vuelta di Spagna. Vince l’inglese Cummings davanti a Meyer e a Flecha.

Peccato per il ciclista italiano Elia Viviani, finito nella fuga buona con altri sei corridori, ma nel finale finisce la benzina e si ritrova a disperarsi, confortato dal pubblico spagnolo che lo acclama. Per lui, sull’arrivo di Ferrol, un dopo gara pieno di lacrime:

“C’ero, ma mi sono spento. Ho troppa voglia di vincere. Credevo nella fuga, perché c’erano grandi corridori. Ho sempre dato il mio contributo ma quando a 6 chilometri dall’arrivo hanno cominciato a scattare, mi sono spento. Questa vittoria non arriva, eppure sto andando forte”.

La voce di Viviani soffocata dalle lacrime, rimane piegato sulla bici, distrutto più nel morale che nel fisico. Il veronese della Liquigas era in fuga con altri sei. Troppo più veloce degli altri, bisognava farlo fuori per vincere e così ai 6 km Flecha parte, Viviani non riusce ad alzarsi dalla sella, a inseguire. Solo Stephen Cummings riprende lo spagnolo, tira per pochi secondi il fiato e poi lo scatto della vittoria.

“Adesso devo lasciare passare tre giorni difficili, poi spero ci siano altre occasioni”.

La gente lo applaude e lo incita apostrofandolo come “Valiente”. Il più bel complimento che ti possano fare da queste parti, quello che rende onore. La situazione in classifica generale resta invariata con “Purito / Murito” Rodriguez resta in maglia rossa, ora a Vuelta lascia il mare e la Galizia per inerpicarsi sulle dure montagne asturiane.

E ora le montagne vere: la prima sfida di oggi è da Palas de Rei al Puerto de Ancares, 149,2 km. Si comincia con due gpm di seconda e uno di terza, poi, negli ultimi 33 km, due gpm di prima categoria: l’Alto Folgueiras de Aigas (9,7 km al 6,7% medio) e arrivo in salita ad Ancares: 9,5 km all’8,1% medio e punte al 13. Tappa corta, ma con quasi 4.000 metri di dislivello. Domani i Laghi di Covadonga, lunedì l’inedito Cuitu Negru. 

ARRIVO

1. Steve CUMMINGS (Gb, Bmc)
2. Meyer (Aus, Orica) a 4”
3. Flecha (Spa, Sky)
4. Clarke (Aus) a 14”
5. Gerdemann (Ger)
6. De Gendt (Bel)
7. Degenkolb (Ger) a 40”
8. Davis (Aus)
9. Swift (Gb)
10. Mondory (Fra)
11. Cimolai
15. Dall’Antonia
17. Bennati
21. Contador (Spa)
26. Froome (Gb)
37. Rodriguez (Spa)
46. Valverde (Spa)
135. Viviani a 3’19”.

CLASSIFICA

1. Joaquin RODRIGUEZ
2. Alberto Contador (Spa, Saxo- Tinkoff Bank) a 13”
3. Chris Froome (Gb, Sky) a 51”
4. Valverde (Spa) a 1’20”
5. Gesink (Ola) a 2’59”
6. Moreno (Spa) a 3’29”
7. Roche (Irl) a 4’22”
8. Talansky (Usa) a 5’17”
9. Ten Dam (Ola) a 5’18”
10. Mollema (Ola) a 6’01”
11. Anton (Spa) a 6’08”
12. Anacona (Col) a 6’35”
13. Capecchi a 6’47”
14. Intxausti (Spa) a 6’51”
15. Monfort (Bel) a 6’55”
17. Nocentini a 7’04”
46. Cunego a 29’10”

OGGI

Si corre la 14a tappa da Palas de Rei a Puerto de Ancares di 149 km. L’arrivo è in salita. Diretta Tv su Eurosport dalle 16.

Commenti

commenti