Petizione perché esistano i generici anche per i farmaci veterinari

I farmaci generici sono un ottimo escamotage per avere nel proprio pronto soccorso lo stesso principio attivo a minor prezzo, soprattutto per i farmaci non mutuabili.

E per gli animali? Ci hanno pensato l’ENPA, la senatrice Silvana Amati e la sezione toscana del PD a raccogliere delle firme per far sì che questa diventi una realtà anche per i farmaci veterinari, almeno per cani e gatti che sono gli animali che più vivono in casa.

L’ENPA ha così dichiarato a proposito della questione:

Curare i pet è diventato un costo insostenibile per le famiglie italiane, già duramente provate dalla crisi e da un carico fiscale estremamente oneroso. L’attuale normativa prevede infatti che i veterinari non possano prescrivere ai loro pazienti animali farmaci per uso umano nel caso in cui siano disponibili medicinali veterinari – più costosi – con le stesse indicazioni terapeutiche. Secondo quanto calcolato dalla Protezione Animali, in alcuni casi il passaggio dai medicinali umani ai farmaci veterinari comporta in alcuni casi un aggravio ben superiore al 100%.

Se la petizione riuscisse a raggiungere l’obiettivo prefissato, si avrebbe davvero un enorme vantaggio per i farmaci veterinari, considerando che molti principi attivi con la “marca” famosa vanno a costare anche il doppio, rendendo la vita di chi ha un cane o un gatto ulteriormente complicata.

Fonte: Greenstyle

Commenti

commenti