Fantacalcio: i consigli per la 1° giornata

fonte foto: acmilan.com

Rieccoci tornati! Dopo un’estate passata sotto gli ombrelloni a divorare Gazzette e tutte le guide disponibili in edicola e sul web dedicate a Fantacalcio, entusiasmandosi per l’arrivo dell’ennesimo semisconosciuto giocatore straniero che sembra un fenomeno e soprattutto, mai come quest’anno, imprecando per il nostro campione fuggito all’estero, è giunto il momento di schierare la nostra prima formazione. Oggi i consigli per la prima giornata di campionato, ma seguiteci con attenzione perché a mercato finito vi presenteremo una per una tutte le squadre di Serie A, con commento al mercato, alla rosa e, naturalmente, i consigli per gli acquisti per tutti quelli che saggiamente aspetteranno la fine del calciomercato per fare l’asta e iniziare la loro stagione fantacalcistica. Ecco allora che la prima di campionato servirà non solo a chi comincia subito il proprio Fantacalcio per decidere la formazione da schierare, ma anche a tutti quelli che ancora stanno studiando rose e giocatori per avere altre informazioni utilissime in vista dell’asta.

In questo primo turno, le attese sono tutte per le big semi rivoluzionate e per le neopromosse. La Juventus, dominatrice lo scorso anno e protagonista di un mercato intelligente (seppure ancora senza top player), riceve il Parma praticamente con la stessa formazione dello scorso anno, ma senza Antonio Conte in panchina per squalifica. Milan e Inter, invece, testano squadra e ambizioni rispettivamente contro Sampdoria e Pescara. Due partite da tenere d’occhio per avere utili indicazioni di mercato. Avvio, sulla carta, soft anche per la Roma di Zdenek Zeman, candidata a rivelazione del campionato, in casa contro un Catania sempre più sudamericano. Le partite più interessanti perché più equilibrate, però, sembrano essere Fiorentina – Udinese e Palermo – Napoli. Chievo – Bologna e Siena – Torino sono già due assaggi di quella che potrà essere la lotta salvezza- Genoa – Cagliari e Atalanta – Lazio chiudono il quadro. Ah, da quest’anno una difficoltà in più: l’introduzione della panchina lunga farà diventare ancora più difficile indovinare l’undici di partenza e quindi i consigli giusti. Noi ci proviamo lo stesso, prima di tutti gli altri.

 

LA NOSTRA TOP 11:

Storari; Basta, Barzagli, Balzaretti; Boateng, Lulic, Diamanti, Sneijder; Milito, Osvaldo, Di Natale.

 

ATALANTA – LAZIO

L’Atalanta cerca di azzerare subito il -2 dal quale parte quest’anno, mentre la Lazio di Petkovic sembra ancora in fase di rodaggio nonostante la bella vittoria in Europa League.

Nei bergamaschi scegliamo il blocco dello scorso anno con Consigli, Schelotto, Cigarini, Moralez e Denis; sorprese da Brivio e Bonaventura, no Bellini, Lucchini e Cazzola.

Nella Lazio, Hernanes e Klose già in forma, scommettiamo anche su Lulic e Candreva; Ledesma sempre affidabile; non convince la difesa, quindi fuori Biava, Dias e Cavanda.

ATALANTA: SI: Denis  NO: Cazzola  SORPRESA: Bonaventura

LAZIO: SI: Klose  NO: Cavanda  SORPRESA: Candreva

 

CHIEVO – BOLOGNA

Anticipo di lotta salvezza, anche se le due squadre sognano qualcosa di più quest’anno.

Nei padroni di casa, due bocche da fuoco importanti in più rispetto all’anno scorso: M. Rigoni e Di Michele, già in palla; ok anche Sorrentino, Thereau e Pellissier; no Frey, Sardo e Vacek.

Nel Bologna falcidiato da infortuni e squalifiche, sì a Guarente, Diamanti e pure Acquafresca, anche se l’ex Cagliari continua a deludere; occhio a Gabbiadini in corsa; sorpresa Taider, fuori Agliardi, Carvalho e Perez.

CHIEVO:  SI: Di Michele  NO: Frey  SORPRESA: Sorrentino

BOLOGNA:  SI: Diamanti  NO: Carvalho  SORPRESA: Taider

 

FIORENTINA – UDINESE

Una delle partite più interessanti di giornata tra due squadre in cerca di nuova identità: la Fiorentina riparte completamente rivoluzionata rispetto alla fallimentare scorsa stagione, l’Udinese, ogni anno con qualche big in meno, non vuole smettere di stupire.

Nella Viola, in attesa di conoscere meglio i nuovi, andremmo sull’usato sicuro con Jovetic e Nastasic; potrebbero far subito bene Aquilani e Pizarro; sorprese Ljajic e El Hamdaoui; non rischiano Viviano (o Neto), Rodriguez, Roncaglia e Cassani.

Nell’Udinese, Re Totò sempre in campo, sicurezza insieme a Danilo e Basta; tra i nuovi piacciono già Brkic e Willians, anche se il brasiliano è un ruba palloni con pochi bonus nell’arco; sorpresa Fabbrini e, se recupera, Muriel; fuori Benatia, Pinzi e Pereyra.

FIORENTINA: SI: Jovetic  NO: Roncaglia  SORPRESA: Ljajic

UDINESE: SI: Di Natale  NO: Pereyra  SORPRESA: Willians

 

GENOA – CAGLIARI

Genoa e Cagliari hanno cambiato poco nell’undici titolare rispetto allo scorso anno e se per i sardi è una cosa normale, per la squadra di Preziosi è una novità assoluta.

I rossoblu di casa ripartono senza certezze, ma attendono i riscatti di Frey, Kucka, Jankovic e Ze Eduardo, dopo una stagione più di ombre che di luci; davanti Immobile meglio di Gilardino; no Tomovic, Antonelli e Seymour.

Nel Cagliari, Astori, Nainggolan e Pinilla, con Cossu e Avelar sorprese; fuori Pisano, Rossettini, Dessena ed Ekdal.

GENOA: SI: Immobile  NO: Tomovic  SORPRESA: Ze Eduardo

CAGLIARI:  SI: Pinilla  NO: Dessena  SORPRESA: Cossu

 

JUVENTUS – PARMA

Juventus pressoché identica a quella dell’anno scorso con qualche certezza ma anche qualche dubbio in più; il Parma è cambiato molto soprattutto davanti e si attende di scoprire i nuovi talenti.

Nella Juve, che deve mettere da parte le polemiche legate alla sentenza Conte e tornare a concentrarsi sul calcio giocato, le certezze sono Barzagli, Pirlo, Marchisio e Vucinic; bella scoperta Asamoah, tanti dubbi su Bonucci e soprattutto Lucio e sul ballottaggio Giovinco – Matri; noi preferiamo il secondo.

Nel Parma, probabilmente senza l’attesissimo Amauri, davanti potrebbe stupire Pabon, mentre Biabiany rende meglio se in fascia che come seconda punta; ci sembrano ok Valdes e Parolo; non rischiamo la difesa, oltre a Rosi, Ninis e Gobbi.

JUVENTUS: SI: Vucinic  NO: Lucio  SORPRESA: Asamoah

PARMA:  SI: Valdes  NO: Lucarelli  SORPRESA: Pabon

 

MILAN – SAMPDORIA

Grande attesa per capire dove potrà arrivare quest’anno il super ridimensionato Milan di Allegri; l’inizio è alla portata perché la giovanissima Samp di Ferrara ha bisogno di assestarsi, ma occhio alle sorprese.

Nel Milan, curiosità per l’esordio di Pazzini, potenzialmente, senza Pato, l’attaccante rossonero che promette più gol; meglio però andare sul sicuro con Nocerino, Boateng e Robinho; la difesa (senza l’infortunato Abate) è tutta da valutare, fuori Acerbi, Zapata e Antonini.

Nella Samp c’è il dubbio dell’impatto in Serie A di molti giovani; per questo andremmo sui più esperti come Gastaldello, Poli e Maxi Lopez, tenendoci Estigarribia ed Eder come sorprese; fuori Romero, De Silvestri e Rossini.

MILAN:  SI: Robinho  NO: Zapata  SORPRESA: Pazzini

SAMPDORIA:  SI: Poli  NO: Romero  SORPRESA: Eder

 

PALERMO – NAPOLI

Due squadre con sentimenti opposti: il Napoli si è rinforzato, nonostante la cessione di Lavezzi, e punta con sempre più convinzione allo scudetto, mentre il Palermo esce un po’ ridimensionato dal mercato, anche se Sannino è una garanzia.

Nei rosanero, Miccoli è il capitano cui non rinunciare, Ilicic e Bertolo tra i più positivi in precampionato; ok anche Barreto e Brienza, fuori Ujkani, Munoz e Cetto; sorprese Pisano ed Hernandez.

Napoli ai piedi di Cavani e Hamsik, ma occhio al predestinato Insigne, in campo per la squalifica di Pandev; affidabili De Sanctis e Behrami; fuori Campagnaro, Britos e Aronica.

PALERMO: SI: Miccoli  NO: Cetto  SORPRESA: Ilicic

NAPOLI:  SI: Cavani  NO: Britos  SORPRESA: Insigne

 

PESCARA – INTER

Inter in forma e galvanizzato dagli ultimi botti di mercato, per il Pescara missione quasi impossibile, ma sarà utile per testare qualche nuovo acquisto.

Negli abruzzesi, poche certezze contro i nerazzurri, ma Capuano, Nielsen e Cascione è gente solida; tra i nuovi Caprari ha già dimostrato qualcosa, mentre Weiss resta un incognita; fuori Perin, Romagnoli e Colucci.

Nell’Inter, Cambiasso e Sneijder in forma smagliante e Milito si schiera sempre; dietro rischieremmo Castellazzi e Maicon, non Ranocchia e Nagatomo; sorprese Guarin, Cassano e Coutinho.

PESCARA: SI: Cascione  NO: Colucci  SORPRESA: Caprari

INTER:  SI: Milito  NO: Ranocchia  SORPRESA: Guarin

 

ROMA – CATANIA

La Roma vuole far divertire subito, ma è ancora in fase di assestamento e il Catania è sempre un osso duro.

Nei giallorossi, con Zeman si segnerà tanto, quindi Osvaldo sicuro, Totti quasi, poi i tre centrocampisti De Rossi, Pjanic e Bradley in quest’ordine; Lamela e Bojan in difficoltà, dietro puntate solo su Balzaretti.

Nel Catania, i punti fermi sono Legrottaglie, Lodi e Bergessio, con Gomez e Barrientos rischi calcolati; fuori Andujar, Bellusci e Biagianti; sorpresa Castro.

ROMA: SI: Osvaldo  NO: Stekelenburg  SORPRESA: Pjanic

CATANIA:  SI: Lodi  NO: Andujar  SORPRESA: Castro

 

SIENA – TORINO

Altro probabile anticipo di lotta salvezza tra due squadre che devono ancora completarsi sul mercato.

Il Siena parte da -6 e questo potrebbe tradursi in una smania di far punti controproducente, ma Cosmi sa motivare le sue squadre; D’Agostino e Calaiò i pezzi da novanta, ma potrebbero far bene anche Pegolo e Paci; non convincono Contini, Mannini e Bogdani; Neto oggetto misterioso, occhio a Verre.

Nel Toro, Bianchi sicurezza, con Ogbonna e Gillet spina dorsale della squadra; sorprese Sansone e Stevanovic; no Glik, Masiello, Vives e Meggiorini.

SIENA:  SI: Calaiò  NO: Contini  SORPRESA: D’Agostino

TORINO:  SI: Bianchi  NO: Glik  SORPRESA: Sansone

Commenti

commenti