Milan e Juve nel Trofeo Berlusconi, scaramanzia e tattica pre-campionato

Questa sera Milan e Juventus scenderanno in campo sull’erba rifatta di San Siro per quella che da più di vent’anni è considerata l’amichevole precampionato per eccellenza. Ad una settimana dal via ufficiale del torneo della serie massima, le due squadre, avversarie fino all’ultimo nello scorso campionato, si apprestano a ripresentarsi come le favorite anche per l’edizione 2012 – 13.

Scaramanzia, malinconia per i giocatori che non ci sono più, nuovi acquisti, vecchi nemici. C’è un pò di tutto questo nel Torneo Berlusconi. La scaramanzia vuole che chi alza la coppa poi non vinca lo scudetto. E i tifosi lo sanno. Scaramanzia a parte… ma il contrario è accaduto solo tre volte: nel 1992, nel 1993 e nel 2001. Ma solo una era un incrocio Milan contro Juventus: l’ultima. Nelle altre due i rossoneri affrontarono Real Madrid e Bayern Monaco.

Il pensiero inconsapevole dei giocatori in campo è che il trofeo sia meglio non vincerlo. Ma la malinconia vera di questa ultima amichevole prima del via ufficiale ai giochi seri e senza se o ma, riguarda l’assenza dei due bomber più prolifici di questo classico appuntamento di fine estate. Bandiere fuori e dentro il campo, nello spogliatoio che con i tifosi mancheranno per la prima volta in tanti anni: da un parte Filippo Inzaghi e dall’altra Alessandro Del Piero.

JUVENTUS – Buffon, Chiellini e Pirlo sono rimasti a Torino. Il portierone sta proseguendo il lavoro personalizzato, per il difensore è meglio non correre rischi in vista del campionato, il regista sta ancora smaltendo la contusione al ginocchio rimediata a Pechino (fallo durissimo di Cavani). Le assenze sono le uniche certezze di formazione, perché anche ieri, come venerdì, Conte ha fatto svolgere un doppio allenamento e solo stamattina, in base alla risposta fisica dei giocatori, deciderà chi far giocare contro il Milan. In porta tocca a Storari, in difesa dovrebbe essere riproposto il terzetto di Pechino.

MILAN – Allegri dovrà fare a meno di Ambrosini (botta al piede), Mexes (problemi al ginocchio) oltre ai lungodegenti Muntari e Strasser. Sarà una prova generale per la prima di campionato ma anche un modo per testare gli ultimi arrivati. Per esempio Zapata, che dovrebbe giocare dall’inizio accanto a Bonera. A centrocampo turno di riposo per Nocerino, con Montolivo regista ci saranno Flamini e Constant. In attacco Robinho favorito su El Shaarawy, con Boateng trequartista.

Diretta ora 21 su Canale 5

Commenti

commenti