Il ritorno di Silvio Berlusconi – alcune considerazioni

Gli imprenditori mi vogliono, la gente me lo chiede

Con queste parole Silvio Berlusconi fa ritornare la sua ombra della politica italiana. Un’ombra che non se n’è mai andata, come mai se n’è andata quella dei suoi “rivali” e compagni. Il Governo Monti, chiamato a risanare l’Italia, viene spesso criticato per scelte giudicate impopolari e per non fare abbastanza per il Paese. Si cerca di stare sempre obiettivi ma è difficile capire il perché di tutte queste critiche. Per anni il potere economico politico, e non solo, in Italia è stato in mano a Berlusconi, se qualcosa non è andato per il verso giusto in questi ultimi anni di chi è la colpa?

È certo che il sistema capitalistico e l’idea di un’Europa unitaria è miseramente fallito, o per lo meno questa fase è stata decisamente catastrofica. I motivi sono molteplici ma l’aver continuato a speculare in borsa, a tassare esageratamente le aziende e i privati non ha aiutato la società ad evolversi. I debiti pubblici in continuo aumento e il collasso delle banche han portato Grecia, Spagna e Portogallo ad una crisi che non ha precedenti.

Quello che si vuol affermare è che se per anni ha governato una persona e si è arrivati a questo punto, è solo colpa di un Governo tecnico chiamato per risanare tutto? Se la Germania è la più forte nazione europea, di chi è il merito, di chi la governa o di chi non la governa? Meglio avere un Governo tecnico o affidarsi a politici che hanno distrutto una nazione?

Gli errori sono noti in Italia, basti pensare che vengono pagate tasse su previsioni di guadagno, dove in altre nazioni si paga solo se si guadagna. Cosa elementare e ovvia ma che qui pare sia impensabile.

Di errori ce ne sono stati tanti, ma son stati fatti da chi governava non certo da chi è al governo ora. Silvio Berlusconi ritorna in politica perché gli imprenditori glielo chiedono? Va bene, la prima cosa che dovrebbe fare è di equiparare le aziende ltd (inglesi) alle srl, in modo da snellire la burocrazia e rendere le società più semplici da fare e più facile sarebbe creare un nuovo business.

Creare fondazioni anche private che investano in nuove idee, e non solo su prodotti già fatti. Investire nel futuro e no nel nulla. Silvio Berlusconi ha queste idee o vuole semplicemente tassare meno i suoi amici imprenditori?

Commenti

commenti