Monti vs Squinzi: “Le parole fanno aumentare lo spread”

Aix en Provence- Monti attacca il presidente della Confindustria, Giorgio Squinzi, che ieri aveva parlato di macelleria sociale riferendosi al provvedimento sui tagli alla spesa.

“Dichiarazioni di questo tipo fanno aumentare lo spread, i tassi di interesse e incidono non solo sul debito pubblico ma anche sulle imprese”.

Il premier ha espresso il suo disappunto:”Invito a considerare che dichiarazioni di questo tipo da parte di figure istituzionali e personaggi, ritenuti responsabili, hanno effetti molto negativi nei mercati e nelle valutazioni delle organizzazioni internazionali”, per poi proseguire: “Suggerirei di fare più attenzione non tanto per riguardo al governo, che evidentemente non lo merita sulle basi di ciò che viene detto, ma per le imprese. Mi permetto come esponente del governo che non si faccia il danno delle imprese”.

Forse i nostri figli giocheranno a “spread bollente”, perché ormai la stabilità dei mercati dipende davvero da qualsiasi azione, parola o commento dei nostri leader o uomini della politica.

Fonte: Ansa.it

Commenti

commenti