Inaugurato a Lampedusa il Centro di sterilizzazione per cani e gatti randagi

A Lampedusa è stato inaugurato ieri il Centro di sterilizzazione per cani e gatti randagi. L’obiettivo è quello di ridurre il fenomeno del randagismo, purtroppo ancora molto consistente nel Sud Italia.

Ad annunciarlo è una nota del Ministero della Salute:

Oggi il sottosegretario alla Salute Adelfio Elio Cardinale, con una delegazione formata dal Generale Cosimo Piccinno comandante dei Carabinieri del Nas, da rappresentanti del dipartimento di Sanità pubblica veterinaria del ministero della Salute e delle Associazioni di protezione degli animali, ha effettuato una visita a Lampedusa per dimostrare la vicinanza del Governo alla nuova amministrazione comunale e alle Istituzioni locali nell’impegno in favore degli animali. A ricevere il sottosegretario c’erano il Prefetto di Agrigento, Francesca Ferrandino, e il Sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini. Dopo l’incontro presso il Comune con i rappresentanti delle Istituzioni locali, dell’Assessorato alla sanità della Regione, del Servizio Veterinario dell’Asp di Palermo, del Comune di Linosa e delle Forze dell’Ordine, è stato inaugurato il Centro di sterilizzazione dei cani e gatti randagi.

Il Sottosegretario nel pomeriggio ha incontrato anche le Associazioni di protezione animale e i volontari per ascoltare richieste e suggerimenti. Cardinale ha invitato a fare “sistema” con l’obiettivo di dare “un esempio di civilta’ che non puo’ prescindere dalla tutela del benessere degli animali: è necessario iniziare un itinerario costante e condiviso affinché Lampedusa diventi, con la collaborazione di tutti, un modello per la tutela degli animali e la lotta al randagismo.

Oltre alla sterilizzazione, in questo centro si provvederà anche alla microchippatura degli animali senza padrone, e il Centro ha avuto come ospite di apertura un personaggio del calibro di Claudio Baglioni, che ha voluto adottare una piccola meticcia siciliana a cui ha dato, appunto, il nome di “Isolina”, che poi è anche il titolo di una sua canzone.

Afferma Carla Rocchi, rappresentante della Federazione Italiana Diritti Animali e Ambiente:

Quella di Lampedusa è una struttura d’eccellenza. Come Federazione proponiamo che l’esempio sia presto seguito sulle altre isole minori e serva da apripista per un’efficace azione di contrasto alla piaga del randagismo nel Meridione – tema che la Federazione considera prioritario – che in certe zone ha assunto dimensioni incompatibili con il vivere civile.

Inoltre il sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini, ha promesso alla stessa Federazione di rendere Lampedusa una città “animal friendly“, con offerte turistiche che non escludano gli animali a seguito dei loro amici a due zampe.

Fonte: Italia Globale

Commenti

commenti