Giorgio Napolitano: “serve accordo sulla legge elettorale”

Dal Colle il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano interviene sui due principali temi politici di oggi: la crisi in Europa e le riforme.

In vista delle elezioni politiche del 2013, che avveranno alla naturale scadenza del mandato del governo Monti, Napolitano esprime il suo rammarico per:

le tensioni che si manifestano anche in rapporto alla prospettiva delle elezioni per il rinnovo, nell’aprile del 2013, della Camera e del Senato.

Facendo cadere ogni speranza di elezioni anticipate, il presidente Napolitano critica ancora una volta la tensione tra i partiti politici, scrivendo:

È preoccupante che nello stesso tempo si vadano acuendo motivi di conflittualità e di polemica politica tra le forze sul cui sostegno poggia l’attuale governo […] è altamente positivo che in un momento di grave difficoltà e di grande importanza per il nostro paese e per l’Europa, il Presidente del Consiglio rappresenta l’Italia a Bruxelles forte del mandato su cui si è registrata in Parlamento una sostanziale e larghissima convergenza.

Soprattutto il capo di Stato invita le forze politiche a riflettere sul momento delicato e sulla necessità di dover trovare un accordo tutti insieme in maniera ragionevole, per il bene del Paese.

La nota del Quirinale si conclude così:

Auspico vivamente che si giunga ad una conclusione positiva sul già concordato progetto di più circoscritte modifiche costituzionali, e che ad esso si congiunga un accordo, da portare all’approvazione del Parlamento, sulla nuova legge elettorale.

Commenti

commenti