Il Pagellone di Serie A: il Novara

Il Novara non ha festeggiato nel migliore dei modi il ritorno in Serie A dopo 55 anni: l’avventura nella massima serie è durata solo un anno e la stagione piemontese è stata piuttosto turbolenta.

C’era grande attesa per il ritorno in serie A del Novara dopo 55 anni di assenza. Un vero miracolo sportivo per una squadra che pochi anni fa ha festeggiato i 100 anni di storia e che nel 2010 era ancora in Prima Divisione. I piemontesi si tolgono subito una grandissima soddisfazione battendo l’Inter per 3 a 1 all’esordio casalingo sul sintetico del Piola. L’inizio è incoraggiante (almeno per l’obiettivo minimo che è la salvezza) con 5 punti in 5 giornate, poi la squadra di Tesser comincia a scivolare trovandosi presto stabilmente nelle ultime posizioni di classifica. La fine del girone di andata è un incubo, il Novara infila quattro sconfitte consecutive, più altre due all’inizio del ritorno. Quella casalinga contro il Chievo costa la panchina ad Attilio Tesser, sostituito da Emiliano Mondonico. Cinque punti in altrettante partite (compresa un’altra storica vittoria contro l’Inter, stavolta a San Siro) non bastano però al “Mondo” per garantirsi la permanenza in panchina e dopo la sconfitta interna contro il Bologna viene richiamato Tesser. Da qui a fine stagione il rendimento dei piemontesi è altalenante: l’ultimo posto viene definitivamente abbandonato, ma la zona salvezza è troppo lontana e così il Novara retrocede nuovamente in serie B dopo appena una stagione. Lo scandalo scommesse, però, potrebbe improvvisamente riaprire le porte della massima serie ai piemontesi ed è proprio per questo motivo che al momento la società è ferma sul mercato, in attesa di scoprire quale campionato dovrà disputare.

VOTO: 5

I MIGLIORI (MV Gazzetta): Rigoni (11 gol), Mazzarani, Caracciolo, Mascara

I PEGGIORI: Centurioni, Morganella, Dellafiore, Ludi, Radovanovic, Marianini, Giorgi, Granoche, Morimoto, Meggiorini

RIVELAZIONE: Marco Rigoni

FLOP: Riccardo Meggiorini

 

MERCATO 2012-2013

In attesa delle sentenze sul Calcioscommesse è tutto fermo. In caso di B, ma forse anche di permanenza in A, appare lontano da Novara il futuro di Marco Rigoni, nettamente il migliore della stagione azzurra. Per il resto la squadra in B sarebbe rivoluzionata: via tutti i giocatori in prestito o comproprietà (Dellafiore, Rinaudo, Garcia, Silva, Radovanovic, Mazzarani, Jeda, Caracciolo) più qualche big come Ujkani (ma se il Palermo si tiene Viviano c’è qualche possibilità di vederlo ancora a Novara). Al momento, gli unici nomi in entrata sono quelli dell’esperto difensore Scardina, ex Cittadella, e il possibile ritorno di Pablo Gonzalez. Probabile anche la promozione in prima squadra del gioiello della Primavera, Mattia Maggio. Trattativa aperta per il giovanissimo Doukara, rivelazione della Vibonese. In panchina confermato Tesser.

Commenti

commenti