Calcioscommesse 2012: parla Mimmo Criscito

Domenico Criscito è stato estromesso dalla Nazionale per gli imminenti Europei a causa del suo, per ora solo presunto, coinvolgimento nel calcioscommesse. Ai microfoni di Rtl 102.5 ha rilasciato una eloquente dichiarazione:

Nessuna combine, faccio un mestiere che ho sempre sognato fin da piccolo e non me lo voglio rovinare per certe cavolate. La cosa che mi fa male è che è arrivata un giorno prima della lista, ma non credo sia stato fatto apposta. Purtroppo il fatto che mi hanno contestato è che sono in una foto con due amici nonchè capi ultrà del Genoa e stavamo chiacchierando riguardo quello che era successo nel derby la domenica prima.

Poi parla anche di Sculli, anche lui indagato:

Sculli è un mio amico però non abbiamo mai parlato di Lazio-Genoa. Combine? Assolutamente no, non è proprio da me fare queste cose. Per fortuna non ho bisogno di soldi, di 20, 30 o di 40 mila euro, non so quanti erano. Io sono sicuro si possa risolvere tutto prima possibile, ora mi sono rivolto a degli avvocati e vedranno tutto loro.

In effetti sembra strano che giocatori che guadagnano milioni di euro buttino via la loro carriera per “pochi” soldi. Però, come il caso Doni insegna, nulla è certo quando si parla di calcio.

Commenti

commenti