The Rum Diary: Cronache di una passione

Il primo film della casa di produzione cinematografica di Johnny Depp (Infinitum nihil), uscito nelle sale cinematografiche il 24 aprile, è tratto dal libro “Le cronache del Rum” di Hunter S. Thompson, giornalista, scrittore, e grande amico del famoso attore americano.

Kemp (Johnny Depp) è un giornalista statunitense con problemi di alcolismo, di fresca assunzione al San Juan Star, giornale locale di Puerto Rico. In un lasso di tempo brevissimo il turbolento protagonista viene coinvolto dalla vita del luogo, comprendente un variopinto panorama di eccessi tra i quali, in conformità con il titolo del film, il rum primeggia.

In una situazione, già di per se’ difficile da gestire, irrompe Chenault (Amber Heard), l’avvenente ragazza di Sanderson (Aaron Eckhart), un potente uomo d’affari locale. Al contempo la situazione lavorativa di Kemp risulta particolarmente frustrante portandolo, ben presto, ad avvertire un forte senso di costrizione tra le colonne di “un giornale costruito per i turisti”, in una città dove ai giornalisti viene raccomandata una certa “discrezione”.

Al tutto si aggiungono loschi intrighi economici che richiedono il suo appoggio, e, mentre il sogno americano viene svenduto negli alberghi, un giovane scrittore affronta dubbi etici sugli effetti delle sue future azioni.

Diversamente dal precedente “Paura e delirio a Las Vegas” qui la comicità ha un ruolo quasi marginale, l’ilarità iniziale viene smorzata da un crudo e drammatico percorso di maturazione, caratterizzato da rabbia e senso di ribellione nei confronti di problematiche che, ancora oggi, sembrano essere rimaste immutate.

La pellicola porta a ricordare con un sorriso l’inventore del “Gonzo Journalism”, di quella scrittura di inchiostro e rabbia che ha portato innovazione e trambusto nel mondo dell’informazione, giunto a noi tramite la coinvolgente interpretazione di un attore grazie al quale, per la seconda volta, è stata resa immortale l’immagine di un uomo che molto ha lasciato alla scrittura giornalistica.

Commenti

commenti