Hairston trascina l’Olimpia, quarto successo di fila

Forte del successo ottenuto nel derby interno contro la rivale Bennet Cantù, l’Olimpia Milano sbanca il palazzetto della Sidigas Avellino aggiudicandosi la quarta vittoria consecutiva e tenendo viva la corsa al secondo posto della classifica generale.

Il ritardo dai brianzoli rimane di due lunghezze ma i meneghini non mollano, superano gli irpini grazie a Malik Hairston, 27 punti messi a segno a fine serata e record di realizzazione da quando gioca in Italia, affiancato da un buon Leon Radosevic, sempre più convincente con l’avvicinarsi dei playoffs.

La Sidigas Avellino mette la testa davanti in una sola occasione, con il risultato sul 29-25, prima di subire il sorpasso da parte degli ospiti di serata, avanti grazie ad una tripla del greco Antonis Fotsis (+11) ed allungando con Hairston.

Ma gli irpini sono un osso duro e si riportano sotto al minuto 33, accorciando le distanze sino a toccare il -5, trascinati da Ronan Slay (9) e Green (15), ed i meneghini si riprendono con il tiro dalla lunga distanza di Jacopo Giachetti (7).

Successo e due punti d’oro per la corsa al secondo posto, con la Bennet Cantù vincente contro la Cimberio Varese, e le attenzioni dei meneghini spostatesi oltreoceano sulla semifinale di D-League in cui sono impegnati gli Austin Toros, franchigia in cui milita il primo obiettivo in vista dei playoffs.

Justin Dentmont, 27enne di 183 centimetri, autore di 40 partite ad una media di 22,2 punti segnati, 5.5 assist e 3.7 rimbalzi, mvp del torneo e prossimo all’arrivo in Italia alla sola condizione che la sua squadra fallisca la partita della notte, uscendo dal tabellone della D-League e consentendo al giocatore di raggiungere Milano.

Commenti

commenti