Camusso: “Ancora aperto dibattito su articolo 18”

Roma- Il segretario generale della CGIL, Susanna Camusso, rivendica la triste situazione sociale, annunciando che “la partita è tuttora aperta, sia dal punto di vista della linearità del testo ma soprattutto per le richieste che il sistema imprese continua ad avanzare”.

Grazie alla mobilitazione che abbiamo fatto si è riconquistato il reintegro, c’è stato un risultato figlio delle lotte dei lavoratori e della nostra mobilitazione, ma la partita è tuttora aperta.

Prosegue il segretario, che fin dall’inizio dello scambio politico, ossia il colloquio tra il Governo tecnico e le parti sociali, ha sempre assunto un atteggiamento più restio all’apertura, a differenza di Cisl e Uil di Bonanni e Angeletti.

Pur riconoscendo che l’esecutivo Monti ha effettuato scelte importanti per il Paese, la Camusso afferma che:

Non aver fatto interventi equi e interventi in favore della crescita sta determinando una situazione sociale insopportabile

Sembra una situazione paradossale, in quanto sia il premier Monti e i suoi ministri, Fornero in primis, sia i sindacati, vogliono realizzare una crescita e uno sviluppo che è necessario per l’Italia; tuttavia i mezzi per raggiungere questa crescita appaiono discordanti e se non si perviene ad un accordo potrebbe perdersi di vista l’obiettivo primario.

Commenti

commenti