Basket: Olimpia con Borousis e le solite paure

L’Umana Reyer Venezia, grande sorpresa della stagione in corso, si presenta in casa di un’ Olimpia Milano chiamata al riscatto dopo la brutta sconfitta subìta solamente sette giorni fa a Cremona, perdendo un derby a cui la società tiene in particolar modo in un modo poco consono a quella che dovrebbe essere una delle tre forze del campionato.

Lo scenario sembra ormai abituale ai tifosi meneghini con la squadra di casa partita a razzo, chiudendo il primo quarto in vantaggio per 27-11 grazie al greco Ioannis Borousis, autore di 11 punti,27 in totale e record da quando gioca in Italia, e dominatore sotto canestro con 12 rimbalzi conquistati nel corso della partita.

Reo di non aver messo sufficiente aggressività in campo nella sconfitta con la Vanoli Braga Cremona, il centro ellenico ha preso i compagni per mano, riportandola al successo che permette il ritorno in terza piazza nella classifica generale, a pari punti con gli avversari di serata, l’Umana Reyer Venezia, ed altre quattro squadre.

Un match partito nel migliore dei modi che, secondo il classico copione dell’Olimpia Milano, si riapre in avvio di ultimo periodo, riportando gli avversari in partita, spinti dall’inerzia di Tamar Slay, Szymon Szewczyk ed Alvin Young, giungendo a soli cinque punti di distacco.

Senza Keydren Clark in campo, out per una distorsione alla caviglia ed assente dall’ultimo periodo di gioco, i veneti recuperano senza riuscire a dare la zampata decisiva per l’aggancio e l’Olimpia Milano tira un sospiro di sollievo, ottendo il 15° successo stagione su 25 partite disputate.

“Siamo stati protagonisti di un ottimo avvio – ha dichiarato coach Sergio Scariolo – mettendo insieme una buonissima partita per i primi tre quarti per poi calare di ritmo. Grande rimonta di Venezia, a cui va tutto il merito, ma in certe situazioni sbagliamo troppo, soprattutto i liberi. Serve più fiducia nel potenziale che abbiamo ed esperienza, diamo molto spazio ai giovani, diversamente da altre squadre di alto livello. Ora puntiamo all’innesto di un nuovo giocatore, serve proteggerci da imprevisti nel momento più importante della stagione: i playoffs”.

 

 

Commenti

commenti