NBA: Clippers a caccia dei Lakers. Love ne segna 40, Garnett da applausi

Grazie ad un terzo quarto caratterizzato da un break di 10-2, con Blake Griffin protagonista grazie a 5 punti segnati, i Los Angeles Clippers superano per 103-86 i Phoenix Suns, portando a cinque le vittorie consecutive e continuando la rincorsa ai cugini Lakers per il primo posto nella propria Divison.

Nonostante l’assenza di Ray Allen, out per la quarta partita in fila, i Boston Celtic battono gli Utah Jazz per 94-82, ringraziando l’ottima prestazione di Kevin Garnett (23), autore di 10 punti nell’ultimo periodo di gioco e protagonista con assist per i tiri dalla lunga distanza di Keyon Dooling e Sasha Pavlovic.

La sfortuna colpisce i New Jersey Nets con Shelden Williams messo ko da una problema all’occhio destro nel corso del secondo periodo ed il suo sostituto Jordan Williams uscito dal campo per un infortunio, abili nel reagire ottenendo il successo ai danni degli Indiana Pacers, deludenti nel ko esterno.

Il ruolo da protagonista della nottata è di Deron Williams, decisivo con un quarto parziale di gioco sopra le righe, segnando 13 punti e costringendo i ragazzi di coach Frank Vogel alla sconfitta lontano dalle mura del Bankers Life Fieldhouse di Indianapolis.

Trascinati da un Kevin Love capace di mettere a segno 40 punti, conquistando ben 19 rimbalzi, e da Luke Ridnour, 15 punti e 14 assist, i Minnesota Timberwolves ottengono il 27° successo stagionale battendo i Charlotte Bobcats per 83-88, sopperendo alle assenze di Michael Beasley, J.J. Barea, Nikola Pekovic e Ricky Rubio.

Kyrie Irving (22) tenta in tutti i modi di tenere i Cleveland Cavaliers in partita insieme al compagno di squadra Antawn Jamison, ma Tayshaun Prince (29) e Jason Maxiell (12) non sono della stessa idea, portando i Detroit Pistons alla vittoria, affrontando l’ultimo minuto di gioco con un vantaggio di 12 punti.

Commenti

commenti