Moody’s: Grecia “tecnicamente” in default

Bruxelles- L’agenzia di rating Moody’s vanifica gli sforzi dell’Unione europea, del Fondo monetario internazionale guidato da Christine Lagarde e della Banca centrale europea di Mario Draghi, affermando che “tecnicamente” la Grecia è in default.

L’aver riscosso la task force di aiuti ed esser stata più volte l’antagonista dell’Unione europea, segna per Atene la condanna. Lagarde, direttrice del Fmi, dopo aver promosso l’azione riformatrice dell’Italia, ha anche proposto un prestito di 28 miliardi di euro per la Grecia, da varare in quattro anni per supportare la rinascita economica del paese.

Nonostante i buoni propositi però, Moody’s ritiene l’equazione swap= default un destino segnato per Atene. Anche l’agenzia di rating Fitch sembra non degnare di uno sguardo gli accordi raggiunti dall’Eurogruppo, gli sforzi dei paesi che cercano di offrire la loro solidarietà in una situazione così ostile.

Il default pilotato porterebbe la Grecia ad atterrare su un terreno morbido, che possa attenuare il disastro che conseguirebbe un’azione improvvisa. Tuttavia Atene non merita di esser lasciata da sola, e ancora una volta si ripropone la questione sulla credibilità e affidabilità delle agenzie di rating che, non curanti degli sforzi “umani”, cancellano con un declassamento o con dichiarazioni poco rassicuranti, un lavoro economico non indifferente.

Commenti

commenti