Riforma fiscale, Monti valorizza il merito

Roma- Il Presidente del Consiglio, Mario Monti, conferma una riforma fiscale che miri “al riequilibrio del sistema impositivo” e “al graduale spostamento dell’asse del prelievo dalle imposte dirette a quelle indirette“, come si legge nell’Atto di indirizzo sulla politica fiscale nel triennio 2012-2014.

La riforma si basa anche sul riequilibrio del sistema impositivo, anche relativamente alla tassazione dei redditi finanziari. Sul documento si legge inoltre un punto sui rimborsi: “l’azione di politica fiscale del Governo è volta anche alla tempestiva liquidazione dei rimborsi richiesti fino all’anno precedente a quello di osservazione, assicurando sempre maggiore efficienza nel processo di lavorazione.

Tra gli obiettivi, oltre alla “riduzione degli effetti distorsivi delle scelte degli operatori economici”, anche la modernizzazione della Pubblica Amministrazione, l’esecutivo punta alla valorizzazione del merito.

Riguardo al Fondo per raccogliere le maggiori entrate dalla lotta all’evasione fiscale da ridistribuire, il vice ministro dell’Economia, Grilli, ha dichiarato:”Il Fondo tecnicamente non è stato fatto perché ancora i ricavi non ci sono e non sono quantificabili, ma è una questione tecnica e appena ci sarà esigenza lo introdurremo”, l’obiettivo è quindi di restituire il maltolto ai cittadini.

Commenti

commenti