Camera, responsabilità civile per i magistrati

Roma- Il governo tecnico di Monti perde il sostegno della maggioranza parlamentare nelle votazioni sul ddl comunitaria 2011. La Camera ha approvato a scrutinio segreto un emendamento della Lega sulle conseguenze di provvedimenti errati dei magistrati.

Il disegno di legge ammette che “chi ha subito un danno ingiusto per effetto di un comportamento, di un atto o di un provvedimento di un magistrato in violazione manifesta del diritto o con dolo o colpa grave nell’esercizio delle sue funzioni o per diniego di giustizia, possa rivalersi facendo causa allo Stato e al magistrato per ottenere un risarcimento dei danni”.

Per il leader dell’Idv, Antonio Di Pietro-“Temo una ‘Mani Pulite’ del popolo”- si tratta di una vera e propria “vendetta contro la categoria”, seguito da Bersani per cui il disegno è “inaccettabile“.

Il Guardasigilli Paola Severino commenta l’approvazione con l’auspicio che il Senato, ritenuto da sempre la “camera di riflessione“, possa bloccare la proposta della Lega.

L’Associazione Nazionale Magistrati (Anm), presieduta da Luca Palamara, considera il provvedimento un’intimidazione per i magistrati; pertanto “martedì è previsto stato di agitazione e sciopero” della categoria.

 

 

Commenti

commenti