Basket Eurolega: Milano out, Siena prima, impresa Cantù

La terza giornata delle Top16 di Eurolega inizia a decretare i primi verdetti verso il passaggio alla Top8, obiettivo non più raggiungibile per la truppa di coach Sergio Scariolo, messa fuori dai giochi dal successo conquistato dal Panathinaikos ai danni del Fenerbahce Ulker.

I meneghini, sconfitti nel pomeriggio italiano di mercoledì dalla UNICS Kazan alla Basket-Hall Arena, sono costretti ad abbandonare i sogni di gloria, senza potersi aggrappare alla dose di fortuna che li ha aiutati al termine della regulars season, con la conseguente qualificazione alle Top16.

Al contrario, la Montepaschi Siena si impone sull’ Unicaja Malaga per 68-91, portandosi in testa al proprio girone a punteggio pieno, tenendosi alle spalle il Real Madrid (4) e l’Athletic Bilbao (2).

Vittoria fondamentale per i toscani, sempre più vicini al passaggio alle Top8 di Eurolega, obiettivo minimo per l’armata di coach Simone Pianigiani, fermatasi ai quarti di finale nella scorsa stagione dopo il doppio confronto perso con l’ Olympiacos.

Grande impresa per la Bennet Cantù, vincente nella complicata sfida casalinga disputata contro il Maccabi Tel Aviv, già uscita sconfitta in territorio italiano in questa stagione nel match contro l’ Olimpia Milano del 2o ottobre, conclusasi con il risultato di 89-82 a favore dei padroni di casa.

Il palazzetto di Desio si conferma un fortino inespugnabile in queste Top16, location da cui è uscito sconfitto anche lo Zalgiris due settimane fa, portando i brianzoli al secondo posto del proprio girone, subito alle spalle del Regal Barcellona, sorpassando proprio gli avversari di serata.

Vladimir Micov chiude l’incontro con 17 punti, protagonista di una splendida prestazione al pari di Gianluca Basile, veterano dell’Eurolega ed autore di un’ottima prestazione con 14 punti messi a segno, superando un Maccabi Tel Aviv mai domo, spinto da un precisissimo Richard Hendrix (15), praticamente perfetto al tiro ad esclusione di un solo tiro libero.

I padroni di casa mettono in campo grande intensità ed una voglia d’impresa che li porta al successo, mentre gli ospiti di serata si aggrappano a Richard Hendrix ed alle soluzioni personali del solito Keith Langford (16), subendo fortemente la presenza di Vladimir Micov, grande realizzatore ma ottimo assist-man, di Manuchar Markoishvili e di Gianluca Basile, doloroso con i tiri dalla distanza, presi anche senza ritmo ma messi a segno.

Un applauso particolare va fatto ai ragazzi di coach Trinchieri, abili nel superare il Maccabi Tel Aviv, formazione di grandissimo rispetto e di enorme talento, portandosi in seconda posizione nella classifica del proprio girone, senza però dimenticare la dominante Montepaschi Siena, leader del proprio gruppo dopo la terza vittoria in altrettante gare in questa Top16, mentre l’ Olimpia Milano è costretta a leccarsi le ferite di un’eliminazione pesante.

Commenti

commenti