Quote rosa, dialogo costruttivo tra Fornero e Alemanno

Roma- Il ministro del Lavoro, Welfare e Pari opportunità, Elsa Fornero, scrive al sindaco di Roma, Gianni Alemanno, ammonendolo per non aver raggiunto la rappresentanza femminile nella Giunta capitolina.

Le promotrici della “battaglia per le quote rosa” in Campidoglio, Monica Cirinnà (Pd) e Gemma Azuni (Sel – Sinistra, ecologia e libertà), oltre a fare ricorso al TAR del Lazio, si erano appellate al ministro, che, forse influenzata anche dalle domande “femministe” di Concita De Gregorio, dopo l’intervista rilasciata al programma Otto e mezzo,  ha voluto sottolineare la necessità delle quote rosa, rivendicate nella missiva, invitando Alemanno a provvedere, svolgendo una “riflessione su una questione di rilevante importanza”.

Il tema era già stato presentato nell’audizione delle commissioni riunite Affari costituzionali e Lavoro della Camera. Il primo cittadino di Roma però ribatte con un’altra lettera: “Potrei inoltre osservare che anche nel suo Governo il numero delle donne nominate ministro è di 3 su 18, ovvero lo stesso rapporto della mia Giunta”.

Nella Giunta capitolina infatti le uniche donne sono Sveva Belviso, vicesindaco e Rosella Sensi con delega alla “Promozione della città e allo sport”.

Tuttavia Alemanno conclude la sua lettera con un progetto: una proposta di legge, da creare insieme all’Associazione nazionale dei Comuni Italiani (Anci), confrontandosi con l’esecutivo, per giungere a una normativa che preveda dettagliatamente la parità di rappresentanza.

Commenti

commenti