Il Tabellone del mercato invernale

Il blitz dell’ultim’ora che in molti attendevano (l’arrivo di Tevez in Italia) non c’è stato, semmai in questo mercato di gennaio si sono registrate partenze importanti dal nostro campionato (non Pato, non Sneijder, ma Thiago Motta, al PSG) e tanti campioni, o ex tali, in cerca di nuovi stimoli e vogliosi di dimostrare il proprio valore altrove: Gilardino, Borriello, Amauri. Come siamo stati abituati negli ultimi anni, comunque, è stato un mercato caratterizzato da molte operazioni “minori” e di prospettiva.

Vediamo, squadra per squadra, il tabellone di acquisti/cessioni e il voto al loro mercato.

ATALANTA

Gli acquisti di Stendardo, Cazzola e Carrozza servivano a rimpolpare la rosa (il difensore è arrivato dopo il grave infortunio a Capelli), ma la perdita di Padoin, vero faro e jolly del centrocampo nerazzurro, rischia di risultare pesante. In ogni caso non è un mercato che cambierà di molto gli equilibri della squadra, forse per centrare la salvezza serviva qualcosa di più sostanzioso. Importante aver trattenuto il gioiellino Gabbiadini, ma ora meriterebbe più spazio anche per valorizzarlo meglio. VOTO: 5,5

Acquisti: Stendardo (d,Lazio), Carrozza (c,Varese), Cazzola (c,Juve Stabia)

Cessioni: Ardemagni (a,Modena), Pettinari (c,Varese), Padoin (c,Juventus), Caserta (c,Juve Stabia)

BOLOGNA

Nulla di trascendentale: alcuni acquisti mirati per coprire meglio alcune zone del campo (Rubin e Sorensen) e una nidiata di giovani promesse da far maturare subito o a partire da luglio. Tra questi spicca, più che altro per la squadra di provenienza, Martì Riverola, stella del Barcellona B. Le cessioni hanno riguardato soltanto alcuni giovani ancora inesplosi e mandati altrove a farsi le ossa. VOTO: 6

Acquisti: Rubin (d,Parma), Sorensen (d,Juventus), Abdulai (c,Nocerina), Belfodil (a,Lione), Riverola (c,Barcellona B – da luglio), Marchi (c,Piacenza – da luglio)

Cessioni: Coda (a,Siracusa), Rodriguez (a,Piacenza), Gavilan (a,Piacenza)

CAGLIARI

Si è intervenuto dove si doveva: serviva un attaccante di peso, una prima punta con un buon fiuto del gol da affiancare ai talentuosi ma sterili Ibarbo, Ribeiro ed El Kabir. E’ arrivato Pinilla che se risolverà definitivamente i problemi fisici risolverà i problemi offensivi dei sardi. Ottima inoltre la conferma di Nainggolan, insostituibile nel centrocampo cagliaritano, cui si aggiunge pure Dessena, già integratosi benissimo e acquistato per sostituire Biondini, finito ai margini del progetto tecnico di Ballardini. VOTO: 6,5

Acquisti: Dessena (c,Sampdoria), Bovi (c,Reggiana), Catalano (c,Vigor Lamezia), Pinilla (a,Palermo)

Cessioni: Magliocchetti (d,Reggiana), Burrai (c,Latina), Biondini (c,Genoa)

CATANIA

Protagonista assoluto, soprattutto in termini numerici, dell’ultimo giorno di mercato, il Catania ha cambiato faccia alla squadra con alcuni acquisti di peso, destinati a diventare subito titolari. Il pasticcio Andujar è stato risolto con l’arrivo di Carrizo, portiere che si è un po’ perso negli ultimi anni laziali, ma che resta uno dei migliori numeri uno d’Argentina e che ai piedi dell’Etna ha l’occasione per rilanciarsi. Anche Motta, altro giocatore da rilanciare, dovrebbe trovare subito posto nell’undici titolare. Seymour è un’ottima alternativa a Lodi e Almiron, Ebagua un buon rincalzo davanti, Wellington difensore da scoprire. La partenza di Maxi Lopez, peraltro già ampiamente annunciata, non si dovrebbe sentire più di tanto perchè per Montella il titolare è Bergessio già da alcuni mesi. VOTO: 6,5

Acquisti: Carrizo (p,Lazio), Motta (d,Juventus), Wellington (d,Uberaba), Seymour (c,Genoa), Ebagua (a,Torino)

Cessioni: Andujar (p,Estudiantes), Alvarez (d,Saragozza), P.Ledesma (c,Boca), Delvecchio (c,Lecce), Sciacca (c,Grosseto), Keko (a,Grosseto), Maxi Lopez (a,Milan)

CESENA

Il Cesena aveva un grosso problema ed un obiettivo prioritario per questo mercato: acquistare una prima punta prolifica da affiancare a Mutu. E’ arrivato Iaquinta, il cui pieno recupero fisico è tutto da verificare e sono partiti Eder, che sembrava essersi risvegliato proprio nelle ultime settimane, e Bogdani, giocatore con caratteristiche uniche nella rosa romagnola…la scelta non ci convince appieno.  Lo stesso si può dire del centrocampo dove, via Candreva, è arrivato Santana. Anche in questo caso non crediamo che lo scambio gioverà molto alla manovra cesenate, anche se Santana è più fantasioso dell’italiano finito, a sorpresa, alla Lazio. In difesa, gli acquisti di Moras e Pudil non crediamo aggiungano qualità al reparto. VOTO: 5,5

Acquisti: Moras (d,Swansea), Pudil (d,Granada), Santana (c,Napoli), Del Nero (c,Lazio), Iaquinta (a,Juventus)

Cessioni: Ricci (d,Spezia), Meza Colli (c,Alaves), Candreva (c,Lazio) Riski (a,Honefoss), Eder (a,Sampdoria), Livaja (a,Inter), Bogdani (a,Siena)

CHIEVO

Non si può dire che quello clivense sia stato un gran mercato, visto che è stata una delle società meno attive. Però è arrivato un centrale di valore, Dainelli, che servirà a puntellare la difesa e non se ne è andato nessuno. Resta da vedere chi dovrà fargli spazio tra Andreolli e Cesar, considerato che entrambi stanno disputando un buon campionato. VOTO: 6

Acquisti: Merli Sala (d,Foligno), Dainelli (d,Genoa), Facchinetti (d,Lugano), Gulan (d,Fiorentina), De Paula (a,Bari)

Cessioni: nessuna

FIORENTINA

Ha ceduto Gilardino per acquistare Amauri: considerando quanto stimoli e motivazioni pesino nel rendimento di un calciatore, probabilmente ci ha guadagnato. In più ha puntellato il centrocampo con Olivera e fatto acquisti di prospettiva in pieno stile “corviniano” con Hegazy, Zohore e G. Pizarro. Oltre al Gila sono andati via soltanto giocatori che non trovavano spazio, anche se rimane il neo di non essere riusciti a cedere Cerci, non “visto” da Delio Rossi e che col tempo potrebbe rivelarsi un problema. VOTO: 6,5

Acquisti: Hegazy (d,Ismaily – da luglio), Olivera (c,Lecce), G.Pizarro (c,Lanus – da luglio), Zohore (a,Copenaghen), Amauri (a,Juventus)

Cessioni: Gulan (d,Chievo), Romizi (c,Bari), Munari (c,Sampdoria), Savio (c,Vaslui), Silva (a,Boca), Gilardino (a,Genoa), Babacar (a,Racing Santander)

GENOA

Ennesima semi-rivoluzione da parte di Preziosi, la cui strategia di cambiare moltissimo ad ogni sessione di mercato, però, negli ultimi anni non ha dato i frutti sperati. Stavolta, comunque, gli acquisti sembrano azzeccati, anche perchè è rimasto invariato il nucleo della squadra. Gilardino e Sculli vanno a comporre con Palacio un reparto offensivo da squadra di alta classifica, Biondini in mezzo dà forza e solidità, Carvalho dietro è un rinforzo da verificare. Inoltre non manca il pezzo forte della società rossoblu: gli acquisti di giovani promettenti. Sono arrivati la promessa peruviana Andy Polo e, soprattutto, Ciro Immobile, entrambi da luglio. Nessuna cessione di rilievo. VOTO: 7

Acquisti: Carvalho (d,Figueirense), Biondini (c,Cagliari), Belluschi (c,Porto), Sculli (a,Lazio), Gilardino (a,Fiorentina), Polo (a,Universitario – da luglio), Immobile (a,Pescara – da luglio)

Cessioni: Merkel (c,Milan), Caracciolo (a,Novara), Ribas (a,Sporting Lisbona)

INTER

Evidentemente l’inserimento su Tevez serviva solo a “disturbare” il Milan, perchè in avanti non è arrivato nessuno, se si esclude il giovane Livaja che andrà a rinforzare la Primavera. Molto invece è stato fatto a centrocampo dove sono arrivati Guarin e Palombo ma soprattutto è partito Thiago Motta, giocatore con caratteristiche uniche nello scacchiere nerazzurro, come aveva affermato lo stesso Ranieri. Ora, però, ci sono i giocatori adatti al “rombo”, modulo tattico ideale per rimettere l’Inter nelle mani di Sneijder. A sorpresa, a farsi le ossa altrove non è stato mandato Castaignos, come si ipotizzava, ma Coutinho. VOTO: 6,5

Acquisti: Juan Jesus (d,Internacional Porto Alegre), Palombo (c,Sampdoria), Guarin (c,Porto), Livaja (a,Cesena)

Cessioni: Viviano (p,Palermo), Caldirola (d,Brescia), Jonathan (d,Parma), Muntari (c,Milan), Coutinho (c,Espanyol), Thiago Motta (c,Psg)

JUVENTUS

Da molti indicata come la regina del mercato, non ci sentiamo di condividere commenti tanto entusiastici. Borriello è un ottimo attaccante, ma se deve fare da alternativa a Matri è un po’ sprecato, così come lo sarebbe sacrificare per lui l’ex cagliaritano. In mezzo serviva il rinforzo importate e dopo Guarin, Palombo, Nainggolan, ecc è arrivato Padoin, buon giocatore, ma non proprio la stessa cosa. L’acquisto più utile, probabilmente, si rivelerà Caceres. Si è lavorato bene, invece, in uscita, cedendo quei giocatori che erano diventati più un peso che una risorsa: Motta, Pazienza, Iaquinta, Amauri, Toni. VOTO: 6,5

Acquisti: Caceres (d,Siviglia), Padoin (c,Atalanta), Bouy (c,Ajax), Borriello (a,Roma)

Cessioni: Sorensen (d,Bologna), Motta (d,Catania), Pazienza (c,Udinese), Amauri (a,Fiorentina), Iaquinta (a,Cesena), Toni (a,Al Nasr)

LAZIO

Non ci siamo. Serviva un rinforzo di qualità per tornare a competere alla pari con le prime della classe e infatti si era parlato, tra gli altri, di Honda e Arshavin. Alla fine è arrivato Candreva che, al momento attuale, ci sembra soltanto una valida alternativa ai titolari. In compenso sono Sculli e Cissè, che forse potevano servire ancora, anche se il francese non ha reso finora secondo le attese. Almeno si doveva sostituirli a dovere, Alfaro ci sembra un po’ acerbo per tale scopo. VOTO: 5,5

Acquisti: Candreva (c,Cesena), Alfaro (a,Liverpool Montevideo)

Cessioni: Carrizo (p,Catania), Cavanda (d,Bari), Stendardo (d,Atalanta), Del Nero (c,Cesena), Sculli (a,Genoa), Cissè (a, Qpr), Ceccarellli (a,Juve Stabia), Pagni (a,Grosseto)

LECCE

Sono arrivati giocatori di lotta, utili per inseguire l’obiettivo salvezza, con una scommessa in avanti tra l’amarcord e il colpo di mercato: Valeri Bojinov. Sembrano adatti anche Miglionico, Blasi e Delvecchio che portano grinta e solidità, anche insieme a Mesbah, Olivera e Pasquato se ne va pure un po’ di creatività. Diciamo che la formazione salentina somiglia ancora di più al suo sanguigno allenatore Serse Cosmi. VOTO: 6

Acquisti: Miglionico (d,Livorno), Delvecchio (c,Catania), Blasi (c,Parma), Di Matteo (c,Palermo), Bojinov (a,Sporting Lisbona), Seferovic (a,Neuchatel Xamax)

Cessioni: Legittimo (d,Alto Adige), Ferrario (d,Parma), Mesbah (c,Milan), Olivera (c,Fiorentina), Strasser (c,Milan), Bergougnoux (a,Omonia Nicosia), Pasquato (a,Torino)

MILAN

Certo, dopo aver cullato a lungo il sogno Tevez, accontentarsi di Maxi Lopez è dura. Se ci aggiungiamo che per il resto sono arrivati Mesbah e una serie di giovani che probabilmente nemmeno nei loro sogni più felici si sarebbero immaginati di vestire il rossonero, non sembra un gran mercato. Ecco allora che l’acquisto più utile magari si rivelerà quel Muntari strappato, si fa per dire, ai cugini. Comunque, un mercato di seconde linee (non che questo Milan avesse bisogno di particolari rinforzi, in verità…). VOTO: 6

Acquisti: Merkel (c,Genoa), Strasser (c,Lecce), Muntari (c,Inter), Mesbah (c,Lecce), Maxi Lopez (a,Catania), Prosenik (a,Chelsea), Roggia (a,Internacional), Umunegbu (a,Chiasso)

Cessioni: Taiwo (d,Qpr)

NAPOLI

Un solo acquisto, ma, pare, di quelli destinati a diventare di livello internazionale: Edu Vargas. Finora la nuova promessa del calcio cileno non è che abbia brillato particolarmente, anzi, ma dicono abbia bisogno di tempo. Allora la domanda è: come farà Mazzarri a inserirlo gradualmente ma costantemente dovendogli trovare un posto tra i vari Hamsik, Pandev, Cavani e Lavezzi? L’anno prossimo, probabilmente, lo sapremo. Comunque, magari, si poteva intervenire dove c’era più bisogno, ad esempio in difesa. VOTO: 6

Acquisti: Vargas (a,Universidad de Chile), Novothny (a,Veszprem)

Cessioni: Rinaudo (d,Novara), Santana (c,Cesena)

NOVARA

Squadra rivoluzionata davanti, con alcuni rinforzi dietro e a centrocampo, e affidata ad una nuova guida tecnica: via Tesser, torna nel grande calcio Emiliano Mondonico. La nuova coppia gol, vero problema dei piemontesi, è formata da Caracciolo e Mascara, che stanno crescendo, ma forse troppo lentamente per tirare fuori il Novara dalla zona retrocessione prima che sia troppo tardi. Dietro sono arrivati Rinaudo (non esaltante il suo esordio) e Silva, via Udinese. In mezzo il “vichingo” Jensen. Non siamo sicuri basterà. VOTO: 5,5

Acquisti: Rinaudo (d,Napoli), Silva (d,Palmeiras), Jensen (c,svincolato), Mascara (a,Napoli), Caracciolo (a,Genoa)

Cessioni: Labrin (d,Palermo), Giorgi (c,Siena), Pinardi (c,Vicenza), Granoche (a,Varese), Meggiorini (a,Torino)

PALERMO

Acquisti mirati in ogni reparto, anche se davanti, forse, con la cessione di Pinilla si è perso qualcosa, nonostante l’esplosione di Budan. Con Viviano si è risolto il problema portiere, la difesa sembra aver trovato una sua fisionomia, senza il deludente Cetto, in mezzo sono arrivati giocatori di sostanza e qualità, Donati e Vazquez. L’impressione è che ora la squadra sia più equilibrata e con più alternative. VOTO: 6,5

Acquisti: Viviano (p,Inter), Labrin (d,Novara), Milanovic (d,Siena), Aquino (d,Nacional), Vazquez (c,Belgrano), Donati (c,Bari), Viola (c,Reggina – da luglio), Mehmeti (a,Malmoe)

Cessioni: Benussi (p,Torino), Cetto (d,Lilla), Simon (c,Bari), Di Matteo (c,Lecce), Pinilla (a,Cagliari)

PARMA

Ghirardi aveva detto che il suo Parma poteva e doveva ambire a qualcosa di più di una semplice salvezza. Con il mercato invernale sembra aver dimostrato le sue intenzioni perchè si è intervenuto nei vari reparti con tutti potenziali titolari. Lo sono di certo Jonathan e Mariga, ma anche Ferrario e Okaka possono rivelarsi buone alternative. Inoltre, non è partito nessuno dei giocatori di prima fascia, quindi è una delle squadre che ci sembrano uscire più rinforzate, naturalmente con i dovuti paragoni rispetto alle big. VOTO: 6,5

Acquisti: Ferrario (d,Lecce), Jonathan (d,Inter), Mariga (c,Real Sociedad), Crisetig (c,Inter – da luglio), Okaka (a,Roma)

Cessioni: Rubin (d,Bologna), Nwankwo (c,Gubbio), Ze Eduardo (c,Empoli), Blasi (c,Lecce), Jadid (c,Grosseto), Pellè (a,Sampdoria)

ROMA

Mercato di medio profilo per la Roma: alcuni giovani di prospettiva e un brasiliano elogiato da Luis Enrique di cui però bisognerà verificare l’adattamento al campionato italiano. In compenso, sono stati ceduti quei giocatori che erano finiti ai margini e che potevano creare un po’ di malumore, come Pizarro e Borriello. Un mercato intelligente, anche se probabilmente non stravolgerà la qualità della squadra. VOTO: 6

Acquisti: Marquinho (c,Fluminense), Lopez (a,Nacional Montevideo), Ferrante (a, Piacenza)

Cessioni: Barusso (c,Nocerina), Pizarro (c,Manchester City), Caprari (a,Pescara), Okaka (a,Parma), Borriello (a,Juventus)

SIENA

Pochi movimenti e di secondo piano. Forse per centrare la salvezza serviva qualcosa in più. I soli Giorgi e Bogdani, peraltro riserve in squadre di basso livello e dirette concorrenti per la salvezza, potrebbero infatti non bastare. Almeno non sono state effettuate cessioni importanti. VOTO: 5,5

Acquisti: Giorgi (c,Novara), Esposito (c,Gracciano), Bogdani (a,Siena)

Cessioni: Milanovic (d,Palermo), Angella (d,Reggina), Troianiello (c,Sassuolo)

UDINESE

Bisognava intervenire soprattutto per sostituire i giocatori impegnati in Coppa d’Africa, come Benatia, Badu e Asamoah. E’ stato fatto in maniera intelligente, acquistando cavalli di ritorno dal rendimento garantito (Pazienza) o stranieri che avevano già “assaggiato” il campionato italiano con buoni risultati (Fernandes). Giusto per non farsi mancare niente, i Pozzo hanno pescato le solite scommesse da far maturare, Carrasco e Campos su tutti. Forse si poteva fare qualcosa di più in difesa, dove è arrivato il solo semisconosciuto Fanchone. VOTO: 6,5

Acquisti: Fanchone (d,Sochaux), Fernandes (c,Leicester), Carrasco (c,Audax Italiano), Pazienza (c,Juventus), Campos (a,Audax Italiano), Vydra (a,Bruges)

Cessioni: Doubai (c,Sochaux), A.Sissoko (c,Brest)

SERIE B

Tanti movimenti anche in serie B, con due protagoniste assolute, le stesse del mercato estivo: Torino e Sampdoria. Ma se per i piemontesi l’obiettivo è tornare a dominare come qualche settimana fa e respingere l’attacco di rivali agguerrite e sorprendenti come Sassuolo e Pescara, i liguri hanno operato una vera e propria rivoluzione, sconfessando, in parte, proprio quanto fatto l’estate scorsa. Vestono la maglia granata il difensore Masiello dal Bari e gli attaccanti Meggiorini e Pasquato (se ne va Ebagua). Nella Samp, via tra gli altri Accardi, Piovaccari e Foti (tutti e tre al Brescia), Koman, Bentivoglio (Padova), Maccarone (Empoli) e soprattutto capitan Palombo, mentre arrivano Berardi e Juan Antonio dal Brescia, Munari dalla Fiorentina, Eder dal Cesena e Pellè dal Parma. Nelle altre squadre spiccano i colpi Romizi e Cavanda (Bari), Caldirola (Brescia), Sciacca, Jadid e Misuraca (Grosseto), Mastronunzio (Gubbio), Caserta (Juve Stabia), Caprari (Pescara), Missiroli (Sassuolo), Rivas e Granoche (Varese)

Commenti

commenti