Uomini che odiano le donne sbarca in America – il trailer

La trilogia letteraria Millennium di Stieg Larsson è stata un caso, vendendo oltre 50 milioni di copie nel mondo, anche purtroppo dietro la spinta della morte del suo autore.

I tre capitoli della serie erano già stati portati sullo schermo da tre registi svedesi: Niels Arden Oplev (Uomini che odiano le donne, 2009); Daniel Alfredson (La ragazza che giocava con il fuoco, 2009); Daniel Alfredson (La regina dei castelli di carta, 2010) con risultati mediocri.

Ci riprova David Fincher e la sfida è dura: mantenere alta la sua reputazione di regista padrone del genere, riscattare il romanzo di Larsson maltrattato dai film precedenti, farlo con una faccia americana come quella di Daniel Craig.

In attesa di scontare una pena per calunnia, Mikael Blomkvist (Daniel Craig), giornalista di una rivista scandalistica, riceve l’incarico di indagare sulla scomparsa di una ragazza avvenuta quarant’anni prima. A commissionare le ricerche è lo zio della ragazza (Christopher Plummer), della famiglia di industriali dei Vanger, convinto che la ragazza sia stata assassinata. Lo aiuterà Lisbeth Salander (Rooney Mara), giovane hacker fuori dagli schemi e scontrosa: non ha vissuto una vita facile.

Per il ruolo di Mikael Blomkvist erano stati presi in considerazione Johnny Depp, Viggo Mortensen, Brad Pitt e George Clooney. A mio parere più difficile la scelta dell’attrice per interpretare Lisbeth: Noomi Rapace è un volto indimenticabile in film trascurabili. La scelta è caduta su Rooney Mara che aveva già lavorato con Fincher in The social network interpretando la fidanzata di Zuckerberg.

Dal 3 febbraio al cinema. A voi il trailer.

Commenti

commenti