Danilo Gallinari al Garden da ex: 37 punti e vittoria per Denver

Di fronte ad un Garden pieno di tifosi, Danilo Gallinari torna a New York con la maglia dei Denver Nuggets, presentandosi come avversario per la prima volta dopo lo scambio con il quale i Knicks ingaggiarono Carmelo Anthony, trade che incluse anche Timofey Mozgov.

Accolto con grande passione, il giovane talento di Sant’Angelo Lodigiano costringe i padroni di casa alla sesta sconfitta consecutiva, mettendo a segno 37 punti, suo record personale di realizzazione da quando sbarcò in NBA.

Oltre ad una splendida prestazione in veste di ex di lusso del match, con alle spalle 157 presenze con la casacca dei New York Knicks collezionate nel periodo fra il 2008 ed il 2011, Danilo Gallinari è riuscito nell’arduo compito di limitare Carmelo Anthony, tenuto a 25 punti segnati con 10/30 dal campo.

Quarto successo consecutivo per i Denver Nuggets di coach George Karl, soddisfatto dell’incontro disputato dai suoi ragazzi e contento per quella trade che consentì l’arrivo del talento italiano, ex Olimpia Milano.

“E’ arrivato a Denver con la fama di gran tiratore invece ho scoperto il suo grande talento come passatore e gioca per la squadra. Ottimo difensore, come si è visto nella marcatura contro Anthony, e possiede un’intelligenza in campo che è sopra la media. Averlo in squadra è un vero lusso, è un grande talento”.

Oltre ad essersi procurato ben 20 tiri liberi, Danilo Gallinari ha espresso un gran gioco, senza forzature, guadagnandosi le lodi del suo coach nonostante il libero sbagliato con 7”3 sul cronometro, seguito dal canestro di Carmelo Antony ed il conseguente supplementare.

Dopo due overtime sono i Denver Nuggets a festeggiare il quarto successo consecutivo, con l’azzurro protagonista di un’intervista di circa otto minuti nel post-partita, pronto a fare un “mea culpa” generale per la serata.

“Giocare al Garden è sempre un’emozione incredibile, figuriamoci farlo da ex. In tutta la serata ho cercato di non perdere di vista il bene della squadra, dimostrando il poco egoismo che è nel nostro dna. Sono felice per la mia prestazione ma sono a pezzi, mai stato così stanco come oggi. Abbiamo vinto e ci siamo meritati gli applausi, sono veramente felice”.

L’avventura di Danilo Gallinari ai Denver Nuggets promette un futuro colmo di soddisfazioni e dall’Italia, il tifo, non manca mai!

Commenti

commenti