Fantacalcio: i consigli per la 18° giornata

Una sola sfida a catalizzare le attenzioni sulla 18° giornata ed è il derby di Milano: nel Milan tiene banco la questione Alexandre Pato che, se Max Allegri gliene darà la possibilità, dovrà dimostrare sul campo l’amore dichiarato al Milan; nell’Inter invece tutto ruota attorno all’impiego di Wesley Sneijder, con Ricky Alvarez e Diego Milito che comunque sembrano dare buone garanzie. Turno che potrebbe essere favorevole per la Juve, impegno non proibitivo in casa contro il Cagliari, mentre rischia qualcosa di più l’Udinese a Genova senza gli africani, primo tra tutti Kwadwo Asamoah. Dietro, cercano punti e conferme la Roma, impegnata a Catania, e il Napoli, al San Paolo contro il Bologna, mentre il riscatto della Lazio dovrà passare attraverso la sfida con l’Atalanta. Scontri salvezza diretti e delicati quelli tra Cesena e Novara, che lancia dal primo minuto Giuseppe Mascara, e Parma – Siena, con l’esordio sulla panchina ducale di Roberto Donadoni. Chiudono Chievo – Palermo e Fiorentina – Lecce.

 

CATANIA – ROMA

Roma lanciatissima e in forma, anche se in casa di un Catania che cerca riscatto non sarà una passeggiata.

Nei padroni di casa, Lodi tra gli uomini più pericolosi con la speranza che si accenda qualcuno tra Gomez, Barrientos, Bergessio e Gomez; ok anche Legrottaglie e Almiron, mentre non rischieremmo Campagnolo, Bellusci, Spolli e Delvecchio.

Nella Roma puntiamo su super Lamela e in secondo piano sul ritrovato Totti; negli altri reparti piacciono Juan in difesa, Pjanic e De Rossi in mezzo; fuori Taddei, Jose Angel e Bojan.

CATANIA: SI: Lodi  NO: Campagnolo  SORPRESA: Barrientos

ROMA: SI: Lamela  NO: Bojan  SORPRESA: Totti

 

CESENA – NOVARA

Scontro salvezza fondamentale per entrambe. Il Cesena riparte con rinnovata entusiasmo dopo la bella figura in Coppa, mentre il Novara attende la scossa dai nuovi acquisti.

Tra i romagnoli, occhio ad un Eder in forma e a Candreva, mentre si aspetta ancora il miglior Mutu, visto poco quest’anno; tra le sorprese Antonioli, Ceccarelli e Parolo; no Comotto, Rossi, Martinez e Ghezzal.

Nel Novara, Rigoni è una delle poche sicurezze, ma si attende il salto di qualità dalla nuova coppia gol Caracciolo – Mascara, noi preferiamo il secondo; tra gli altri nuovi curiosità per Rinaudo e Jensen, ma meglio aspettare; fuori Dellafiore, Centurioni e Radovanovic.

CESENA:  SI: Eder  NO: Rossi  SORPRESA: Candreva

NOVARA:  SI: Mascara  NO: Dellafiore  SORPRESA: Ujkani

 

CHIEVO – PALERMO

Ci attendiamo una sfida equilibrata tra due squadre che cercano riscatto, anche se per obiettivi opposti.

Il Chievo si affiderà come sempre a Pellissier, anche se quest’anno sembrano più decisivi giocatori come Sorrentino e Andreolli dietro, Bradley in mezzo e Thereau davanti; non convincono Cesar, Hetemaj e Paloschi.

Nel Palermo, solito problema attacco, dove però il ritorno di Pinilla potrebbe essere importante e Miccoli è sempre temibile; ok anche la coppia di trequartisti Ilicic – Vazquez; i dubbi sono dietro dove escluderemmo Benussi, Cetto, Munoz e Mantovani; in mezzo ok Migliaccio e Barreto, no Della Rocca.

CHIEVO:  SI: Thereau  NO: Cesar  SORPRESA: Sorrentino

PALERMO: SI: Pinilla  NO: Munoz  SORPRESA: Ilicic

 

FIORENTINA – LECCE

Fiorentina in ottimo periodo, anche se il Lecce ha un bisogno disperato di punti.

Il leader viola è sempre più Jovetic, ma ottime garanzie di affidabilità le danno pure Nastasic, Behrami e Montolivo; più altalenanti Vargas e Ljajic; no Boruc, Natali, Salifu e Cassani.

I giallorossi si affidano alle giocate di Cuadrado, Muriel e Di Michele e all’esperienza di Olivera e Giacomazzi; lasciamo fuori Benassi, Tomovic e Brivio.

FIORENTINA: SI: Jovetic  NO: Salifu  SORPRESA: Ljajic

LECCE:  SI: Di Michele  NO: Benassi  SORPRESA: Cuadrado

 

GENOA – UDINESE

Un Genoa in crisi e in attesa dell’apporto dei nuovi se la vede con un’Udinese che per la prima volta deve fare a meno degli africani.

Nel Genoa, si attende il primo gol di Gilardino e c’è curiosità per l’esordio di Biondini, ma più importante è il recupero di Palacio; bene anche Frey e Veloso, con Jorquera e Merkel sorprese; i problemi sono dietro, fuori Mesto, Granqvist e Marchiori e in mezzo Seymour; non convince appieno Jankovic.

Nell’Udinese speranze affidate al solito Di Natale, a Basta e Isla; ancora da valutare Fernandes; no Ferronetti, Domizzi e Pinzi; sorpresa Floro Flores ?

GENOA: SI: Palacio  NO: Granqvist  SORPRESA: Gilardino

UDINESE:  SI: Di Natale  NO: Fernandes  SORPRESA: Basta

 

JUVENTUS – CAGLIARI

La Juve quest’anno è un rullo, per il Cagliari poche possibilità nonostante la buona impressione destata nell’ultima vittoria contro il Genoa.

Tra i bianconeri, ci affidiamo al solito Matri per il gol, con un occhio ai soliti Marchisio, Pepe e Vucinic, più Borriello se dovesse trovare spazio; per precauzione, escluderemmo solo Bonucci, spesso incerto, e De Ceglie, poco abituato a giocare dall’inizio.

Per il Cagliari ci sembra una partita da faticatori, quindi puntate su Nainggolan e Cossu, con Ibarbo e Dessena sorprese; occhio anche ad El Kabir, meglio di Larrivey; fuori Agazzi, Pisano, Canini ed Ekdal.

JUVENTUS: SI: Matri  NO: Bonucci  SORPRESA: Pepe

CAGLIARI:  SI: Nainggolan  NO: Ekdal  SORPRESA: El Kabir

 

LAZIO – ATALANTA

Lazio in crisi e contro un’Atalanta sempre tonica non sarà facile.

Reja si affida a Klose, sempre più leader, e a giocatori dal rendimento sicuro come Marchetti, Ledesma e Lulic; troppi altri invece hanno rendimento altalenante, come Biava, Dias, Gonzalez, Hernanes e Cissè; fuori sicuri invece Diakite, Stankevicisu, Radu e Cavanda.

Nell’Atalanta, Denis (e chi altro ?) per il gol, Cigarini e Schelotto per una sufficienza quasi sicura; dubbi su Consigli, Peluso e Padoin; fuori Ferri, Lucchini, Carmona e Marilungo.

LAZIO: SI: Klose  NO: Cavanda  SORPRESA: Lulic

ATALANTA:  SI: Denis  NO: Ferri  SORPRESA: Schelotto

 

MILAN – INTER

Derby che può indirizzare un campionato e, a sorpresa, rilanciare pure l’Inter in ottica scudetto. Tanti dubbi però.

Nel Milan, dopo l’intrigo Tevez – Pato, siamo curiosi di vedere come il brasiliano reagirà sul campo, anche se Allegri probabilmente gli preferirà Robinho; come uomini derby, noi vediamo Ibrahimovic, Boateng, Thiago Silva e la possibile sorpresa Nocerino; qualche dubbio su Abbiati e Nesta; fuori Antonini, Van Bommel e Ambrosini.

Nell’Inter tutto ruota attorno a Sneijder, difficile dire se rischiarlo o meno; in alternativa andate sugli uomini più in forma del momento, come Maicon, Alvarez e Milito; Lucio e Samuel rischiano grosso, su Zanetti e Pazzini sensazioni non positivissime.

MILAN: SI: Ibrahimovic  NO: Antonini  SORPRESA: Boateng

INTER:  SI: Milito  NO: Lucio  SORPRESA: Sneijder

 

NAPOLI – BOLOGNA

Bologna in crescita, ma al San Paolo con un Napoli al completo, vediamo favoriti gli azzurri.

Nel Napoli, al tridente meraviglia, con un Pandev che non sta facendo rimpiangere Lavezzi, aggiungiamo Maggio e un Gargano in ottima forma; De Sanctis potrebbe risentire dello scandalo che lo riguarda e lo lasceremmo fuori insieme a Campagnaro, Aronica e Inler.

Nel Bologna, pesantissima l’assenza di Diamanti, provate in alternativa Di Vaio e Ramirez; Mudingayi per un po’ di sostanza; fuori praticamente tutta la difesa, soprattutto Gillet, Antonsson, Raggi e Morleo, più Pulzetti e Perez.

NAPOLI: SI: Cavani  NO: De Sanctis  SORPRESA: Pandev

BOLOGNA:  SI: Di Vaio  NO: Antonsson  SORPRESA: Ramirez

 

PARMA – SIENA

Altra importante sfida salvezza, perché sebbene le ambizioni dei ducali siano diverse, al momento la classifica dice questo.

Con Donadoni, nel Parma la coppia cui affidarsi non dovrebbe cambiare ed è Biabiany – Giovinco, in attesa di un Floccari finalmente continuo; ci piacciono anche Zaccardo dietro e Valiani in mezzo; no Pavarini, Paletta, Lucarelli, Pereira e Musacci.

Nel Siena, Destro e Calaiò i pericoli numero uno, anche se il rendimento in trasferta cambia; spina dorsale solida con Rossettini, Terzi, Gazzi e D’Agostino; non rischiamo Pegolo, Vitiello, Del Grosso, Angelo e Grossi.

PARMA: SI: Giovinco  NO: Pavarini  SORPRESA: Biabiany

SIENA:  SI: Destro  NO: Pegolo  SORPRESA: D’Agostino

 

Commenti

commenti