Merkel e Sarkozy uniti per il riassetto dell’Europa

Berlino- Il 2012 vede ancora uniti in questo ideale matrimonio politico la Francia di Sarkozy e la Germania della Cancelliera tedesca Angela Merkel come timonieri d’Europa.

Il meeting nella capitale tedesca vuole promuovere l’accordo bilaterale tra le due potenze economiche e convincere i mercati che i governi degli Stati membri saranno più responsabili nelle loro scelte e più attivi in crescita e sviluppo. I temi trattati andranno dal “caso Grecia”, tuttora irrisolto, alla Tobin Tax, la tassa sulle transazioni finanziarie di cui ha parlato anche il Presidente del Consiglio italiano Monti, fino al timing fiscal compact,  il patto di disciplina di bilancio.

La Merkel ha espresso i suoi timori per il ciclone della crisi che sta investendo la Grecia, ritenendolo comunque “un caso eccezionale e irripetibile nell’Eurozona, come un paese che non uscirà dall’euro”; il premier greco Lucas Papademos ha avvertito nei giorni scorsi che la mancanza di accordi potrebbe provocare un default incontrollato. Il caso Atene sarà al centro dell’incontro di oggi, sempre a Berlino, con la direttrice del Fondo monetario europeo, Christine Lagarde, e di domani a Parigi.

Il 20 gennaio i grandi si riuniranno poi a Roma, dove decideranno sul futuro della Tobin Tax, che vede divisa l’Europa. Dapprima Sarkozy la vide come “un’assurdità”, ma poi cambiò opinione nelle vesti di Presidente, anche grazie all’appoggio della Germania; secondo la Merkel infatti sarebbe l’unica soluzione al momento, soprattutto se applicata a tutti i 27 Paesi, pensando anche alla concorrenza londinese. Tuttavia il premier britannico Cameron si dice restio alla Tobin tax: “Se la vogliono in Europa l’applicheranno da soli”, ma Sarkozy vuole andare fino in fondo.

Decisione e rigore sono le parole chiavi per l’impegno del tandem Merkel- Sarkozy nella redazione del Trattato sui conti pubblici e sul coordinamento delle politiche di bilancio. La firma dei 26 accordata il 9 dicembre è prevista per l’inizio di marzo.

Commenti

commenti