La storia non sempre è quella che conosciamo

Mi rendo conto che spesso nelle persone c’è la tendenza a dare per scontata e per vera, ogni notizia letta sui giornali o  ascoltata in tv. Io credo, al contrario, che la storia del nostro paese, e del mondo intero, potrebbe non essere andata esattamente come ci è stata raccontata. Certa stampa è così pilotata e adulterata!

Nel corso dei secoli chissà quante aggiunte fantasiose, volte a minimizzare o al contrario ingigantire, gli avvenimenti che si sono susseguiti nel tempo. Chissà quante informazioni nascoste, o inventate di sana pianta.

Invece, parlarne a tu per tu con una persona che ha vissuto quei momenti, è tutta un’altra cosa… esattamente come per la storia, così com’è stata raccontata, dell’olocausto. Si sono versati fiumi di inchiostro sull’argomento… difficile credere che gli esseri umani possano essere arrivati a tale sconcertante follia, eppure, dopo tante letture, mi è bastato parlare di persona con un ex deportato ormai ottantenne, venuto a depositare la sua testimonianza in classe da mio figlio alle medie, e che fece vedere a tutti i presenti il numero tatuato sul suo braccio. Allora, non ho avuto dubbi…

Ascoltare dalla viva voce di una persona, che ha visto e vissuto certi episodi così crudi e devastanti, è tutt’altra cosa. E nessun libro, giornale o documentario potrà mai rappresentare in pieno i suoi dolorosi ricordi.

 

Commenti

commenti