Merkel-Sarkozy, accordo completo per l’Europa e…uno sguardo all’Italia

Parigi- Il Presidente della Repubblica francese, Nicolas Sarkozy, si dimostra soddisfatto dell’incontro con la fedele compagna di politica, la Cancelliera tedesca, Angela Merkel. Entrambi sono concordi sul “no” agli Eurobond, su cui invece il nostro premier Monti sembrava far affidamento, e su una riformulazione dei Trattati.

Sia Sarkozy che la Merkel infatti progettano una grande innovazione per l’Europa: la modifica dei Trattati istitutivi, al fine di sancire norme più dettagliate e maggiormente rigorose, che diano una sferzata ai Paesi “negligenti”, prevedendo sanzioni automatiche per chi sfora la soglia del deficit del 3%.

Il nuovo Trattato europeo dovrà considerare tutti i 27 Stati membri, “perché nessuno rimanga escluso”- afferma il Presidente francese; si augurano inoltre di affrontare con l’Europa intera la crisi attuale, cercando di organizzare incontri con gli altri leaders ogni mese.

Questo dei 27 dovrà essere un “accordo completo“, proclama il tandem Merkel-Sarkozy, perché la situazione che stiamo attraversando riguarda sia i 27 dell’Unione e sia i 17 dell’Eurozona; uno dei due gruppi quindi deve tempestivamente operare un’ autority legislativa.

Sarkozy poi sancisce l’idillio con la Merkel confermando come sia indispensabile che le due grandi economie dell’Europa siano in perfetta armonia, pena la stabilità del vecchio continente, evitando quindi incomprensioni e divergenze. Infine il Capo dell’Eliseo guarda anche al delicato momento italiano:” l’Italia è una grande economia e non sarebbe giusto paragonarla a Spagna e Grecia”.

 

 

 

Commenti

commenti