Monti : “Manovra necessaria, serve credibilità”

Roma- In seguito alla dichiarazione sulla manovra tutta “lacrime e sacrifici” del governo tecnico, il premier Monti chiede a gran voce il sostegno del Parlamento, in quanto “questa manovra s’ha da fare”, pena la credibilità del Paese in Europa.

Il Presidente del Consiglio ha definito la manovra economica come un “pacchetto salva-Italia“, senza il quale la Penisola sarebbe destinata a seguire le orme della Grecia, “verso cui nutriamo grande simpatia”.

Il sistema italiano ha subito una forte rivoluzione nell’ambito della previdenza: l’età pensionabile si allontana, senza disparità di trattamento per uomini e donne. Sul fronte lavoro inoltre nei prossimi giorni il Governo discuterà con le parti sociali per varare nuove misure.

L’Ici, l’imposta sulla prima casa, in seguito al federalismo fiscale si ripresenterà nella veste di un nuovo acronimo, IMU, imposta municipale unica, che andrà a valere ben 22 miliardi.

Importante da notare è l’introduzione della tassa sul lusso, sui capitali scudati e soprattutto gli incentivi alle imprese per aumentare la crescita: a niente servirebbe il risanamento del bilancio pubblico senza una spinta al fattore produttivo.

Monti poi interagisce con l’Europa, parlando del salvataggio della moneta unica anche grazie a questa manovra “made in Italy”. Il nostro Paese è in grado di svolgere il proprio ruolo a livello internazionale e pertanto il confronto aperto con l’ambito europeo ha rappresentato sempre una priorità per il premier, il quale ribadisce la necessità di riconquistare la credibilità nei confronti dei leaders dell’Eurozona.

 

Commenti

commenti