Milano torna al successo e saluta Gallinari

Dopo quattro sconfitte consecutive, fra Eurolega e campionato, l’Olimpia Milano torna al successo nel derby lombardo contro la Vanoli Braga Cremona, ultimo match di Danilo Gallinari in maglia biancorossa prima del suo rientro a Denver per il termine del lockout della NBA.

L’EA7 di coach Sergio Scariolo vince in casa per 80-66 con un grande contributo giunto dalla panchina con i 12 punti messi a segno da Niccolò Melli, abile nell’attaccare il ferro, i cinque di Ariel Filloy e la presenza del solito lottatore Richard Mason Rocca, con 6 rimbalzi e 9 punti.

L’equilibrio visto nei primi cinque minuti di gioco si chiude con il primo allungo dei meneghini, avanti al 15° di sette lunghezze e costanti sino al 35°, momento in cui Cremona perde Terrence Roderick (12) e Jonathan Tabu (9) per cinque falli commessi, scivolando a -13 a metà dell’ultimo quarto.

Con una prestazione da 14 punti e sei rimbalzi, sporcata dallo 0/3 dall’arco, Danilo Gallinari saluta il pubblico milanese trascinando l’Olimpia Milano alla vittoria dopo quattro sconfitte in fila, affiancato da Stefano Mancinelli (11) ed Omar Cook (8) che colpisce solo dalla distanza con un 2/3  alla fine dell’incontro.

Con un Von Wafer deludente, 4/11 da due e 4/9 dalla distanza ed una percentuale dal campo del 40%, la Vanoli Braga Cremona si affida a Marko Milic, sei rimbalzi al pari di Jasmin Perkovic, e Daniele Cinciarini (10), senza riuscire a tener testa all’EA7 sino alla sirena conclusiva.

A due lunghezze di ritardo dalla capolista Montepaschi Siena, vincente in casa contro Cantù senza Rymantas Kaukenas e Ksystof Lavrinovic, l’Olimpia Milano sarà di scena a Venezia nel prossimo turno di campionato, avendo già affrontato la giornata di riposo al contrario dei toscani allenati da coach Simone Pianigiani.

Senza Danilo Gallinari, attendendo il ritorno prestazionale di Malik Hairston e Drew Nicholas, i meneghini dovranno dimostrare di essere una squadra competitiva a livello nazionale dopo un avvio di stagione altalenante.

Commenti

commenti