Sarkozy irritato: “L’Italia rispetti tempestivamente i suoi impegni”

Roma- Anche sul Presidente francese, Nicolas Sarkozy, incombe lo spettro della grave crisi. Le agenzie di rating minacciano di voler declassare la tripla A all’economia francese, da sempre baluardo dell’euro, insieme a quella tedesca. Proprio questo peggioramento della situazione finanziaria, che ora tocca il cuore dell’Europa, preoccupa il Capo dell’Eliseo.

Sarkozy ribadisce il suo appoggio all’Italia, ma essendo irritato per la mancata attuazione delle riforme promesse dall’ex premier Berlusconi, chiede a gran voce l’esecuzione del piano italiano. Il premier Monti, nel recente incontro con il tandem Merkel-Sarkozy, ha annunciato una tempestiva risoluzione delle richieste rimaste in sospeso.

Tempi ancora più serrati nelle ultime ore, dopo l’aggravata situazione francese. Monti oggi convoca i rappresentanti delle diverse forze politiche Casini, Bersani e  Alfano, ospite ieri sera della trasmissione di Fazio, in cui aveva ribadito la sua volontà di appoggiare il governo tecnico per il bene del paese, nonostante non fosse stato eletto democraticamente. Segnali preoccupanti però arrivano proprio dal Pdl su possibili accordi riguardo al progetto economico del nuovo Governo.

Il premier-professore Monti in questa settimana sarà molto impegnato: in qualità di Ministro dell’Economia ad interim domani si recherà a Bruxelles per l’europgruppo; mercoledì parteciperà all’ecofin. Ma il piatto forte sarebbe un piano segreto del trio Italia-Francia-Germania, fortemente voluto dalla Merkel e appoggiato da Sarkozy, sorto per stabilire una nuova intesa di stabilità. Il progetto potrebbe prevedere una spaccatura dell’Europa tra paesi di “serie A e B“: Paesi virtuosi e Paesi periferici, che Monti  preferirebbe evitare. Staremo a vedere come si evolverà questa situaizone, che per ora rimane solo un progetto.

 

Commenti

commenti