L’Europa marca stretto i Paesi più a rischio

Bruxelles- I leaders europei sono tutti d’accordo sull’obiettivo da raggiungere al più presto: l’ausilio ai Paesi più a rischio per evitare il devastante “effetto domino“. Tale effetto comporterebbe il default concatenato di tutti i paesi dell’Eurozona.

Il piano comprende una vigilanza forzata sui bilanci in rosso; le azioni, raccolte nel “libro verde” saranno delineate nella giornata di mercoledì dalla Commissione europea, presieduta da Manuel Barroso, nell’ambito degli interventi per sanare i debiti sovrani.

Questo è un passo importante per il continente, in quanto aprirebbe la strada alle euro-obbligazioni, fortemente sostenute dal premier italiano Mario Monti.

Lo stretto controllo che Bruxelles ha intenzione di operare si realizzerà sul piano concreto con l’invio di commissari europei nei Paesi bisognosi al fine di verificare gli effettivi progressi realizzati. In caso di inadempienza si provvederà al soccorso dei vertici comunitari.

La Commissione ha inoltre predisposto un calendario per gli Eurobond per serrare i tempi.

 

 

Commenti

commenti