Miniguida: quando sullo schermo stanno guardando un film!

Che si tratti di un omaggio, di una’allegoria, di una semplice passione, è comune che registi e sceneggiatori inseriscano riferimenti alle pellicole che preferiscono o che li hanno formati.

Non si contano le scene in cui i personaggi parlano e discutono di film o attori, un po’ più rare le quelle in cui si mettono comodi sul divano o sulla poltroncina del cinema a godersi direttamente lo spettacolo. Me ne sono venute in mente alcune, quindi ecco una miniguida incompleta, suscettibile di ampliamenti.

Iniziamo con l’omaggio più evidente:  Provaci ancora Sam (1972) di Herbert Ross  si apre proprio con Woody Allen seduto al cinema che guarda per l’ennesima volta Casablanca (1942) di Michael Curtiz con Humphrey Bogart e Ingrid Bergman. Allen, reduce dal divorzo con la moglie, è spinto dagli amici a ricostruirsi una vita sentimentale. Ma il suo unico modello rimane il grande “Boogie”, l’unico uomo che sa come trattare le donne. Allen interloquisce con lui durante tutto il film.

Non esattamente uguali…

Ne Il miglio verde (1999) tratto dal romanzo omonimo di Stephen King, Paul Edgecombe (Tom Hanks) ormai vecchio, si commuove guardando Cappello a cilindro (1935), uno dei più bei film musicali interpretato da Ginger Roger e Fred Astair, in stato di grazia.

Inizia così a raccontare la storia di John Coffey, un enorme uomo di colore, condannato a morte negli anni del suo servizio al carcere di Could Mountain. La scena è ripresa quando a Coffey è concessa la visione del film in carcere: tutti si commuovono sentendo le note di Cheek to cheek e osservando le movenze dei due ballerini che sembrano angeli. A un passo dalla morte c’è spazio per umanità e poesia.

In V per Vendetta (2005) citare significa anche ripercorrere il percorso della citazione stessa. V (Hugo Weaving) e Evey (Natalie Portman)  nascosti nella Galleria delle ombre, guardano Il Conte di Montecristo (1934) di Rowland V. Lee con Robert Donat, il film preferito del nostro uomo mascherato. Un film sulla vendetta, insomma, all’interno di un film che parla di vendetta.

Palombella Rossa (1989) di Nanni Moretti racconta, durante una surreale e simbolica partita di pallanuoto, la crisi di identità della sinistra italiana. Parallelamente alla partita va avanti, sullo schermo del bar dell’impianto sportivo, Il dottor Zivago (1965) di David Lean. Tutti gli spettatori sono come attratti magicamente dal film nella speranza che il finale, visto e rivisto, possa questa volta, essere diverso. A Zivago (Omar Sharif) sembra di vedere Lara (Julie Christie) e il palazzetto è in piedi a tifare

Qui vi avevo parlato di Dietro la porta chiusa (1948) di Fritz Lang. Dovete sapere che se questo dvd è nella mia videoteca è grazie a un altro film, Grazie per la cioccolata (2000) di Claude Chabrol. Si racconta la storia di Mika, proprietaria di una fabbrica di cioccolata, di suo marito Andrè, famoso pianista e del figlio di lui, Guillaume, avuto in prime nozze con la sorella di Mika. Si inserisce nelle loro vite Jeanne, giovane pianista che sostiene di essere figlia di Andrè. Chabrol omaggia il cinema che ama e a cui si ispira, in una scena in cui Mika regala al figlio la videocassetta del film di Lang. In effetti nel personaggio di Mika vi sono somiglianze con la fredda pazzia del Mark di Dietro la porta chiusa, sebbene caratterizzate da una maggiore illogicità.

Doppio bottino cinematografico con The dreamers (2003) di Bernardo Bertolucci: Theo (Louis Garrel) e Matthew (Michael Pitt) discutono se sia migliore Buster Keaton o Charlie Chaplin; inoltre, durante un gioco dei mimi perverso e morboso, Eva Greene evoca una scena di Venere bionda (1932) con Marlene Dietrich.

Infine la bellissima scena finale di Nuovo cinema paradiso (1988) di Giuseppe Tornatore, atto d’amore per il cinema, i film, gli attori e tutti quelli che stanno dietro.
Salvatore (Jacques Perrin) guarda il montaggio di tutte le scene censurate da Don Adelfio, il parroco proprietario del Cinema Paradiso. Cinema è viaggiare nei ricordi di una vita. Qui l’elenco dei film proiettati :)


 

Commenti

commenti