Inaugurata a Los Angeles la mostra “Il Teatro alla Moda”.

Per una rappresentazione teatrale molti elementi sono importanti: l’interpretazione degli attori, le luci, l’attenzione del pubblico, la scenografia, i costumi. Questi ultimi giocano sicuramente un ruolo di rilievo soprattutto per far sì che attori e spettatori si possano sentire calati nell’azione.

E’ per questo che la creazione degli abiti di scena ha dietro di sé spesso un lungo ed accurato lavoro in stretta relazione con designer, stilisti, costumisti, sarti. Il legame con la moda non è forse in alcun ambito così stretto.

AltaRoma e i Musei Mazzucchelli dedicano una mostra ai più importanti designer che si sono dedicati anche alla creazione di costumi per il teatro: l’esposizione è intitolata “Teatro alla moda” ed in questi giorni (dal 13 Ottobre scorso) è ospitata al Mgm Place di Beverly Hills – Los Angeles, dove sarà visitabile fino al 30 Novembre.

Contiene ben 153 esemplari realizzati da stilisti italiani del calibro di Gianfranco Ferré, Giorgio Armani, Roberto Capucci, Gianni Versace, Emanuel Ungaro, Fendi, Missoni, Antonio Marras, Romeo Gigli, Alberta Ferretti, Valentino, Enrico Coveri, designer che durante la loro carriera hanno collaborato alla creazione di abiti per il teatro ma anche per la danza, contribuendo fortemente anche al successo delle rappresentazioni. Gli abiti sono messi a disposizione dalle collezioni private di cantanti e attori o dei più importanti teatri internazionali dalla Scala al Piccolo Teatro di Milano, dal Teatro dell’Opera di Roma al San Carlo di Napoli, dal Teatro Regio di Parma al National Oprta di Washington DC.  All’inaugurazione erano presenti l’ideatore Massimiliano Capella, direttore dei Musei Mazzucchelli di Brescia e la vicepresidente di AltaRoma Valeria Mangani.

Oltre ad AltaRoma e ai Musei Mazzucchelli, anche Fondazione Roma ha collaborato alla realizzazione dell’evento che si svolge sotto l’alto patronato del Presidente della Repubblica e con il patrocinio di Roma Capitale-Assessorato alla Cultura.

 

Commenti

commenti