Napolitano concede la grazia a Crapanzano

Roma- Il Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano concede la grazia a Calogero Crapanzano, un maestro in pensione che strangolò il figlio autistico il 25 giugno del 2007.

Quel giorno l’uomo portò il ragazzo a fare una passeggiata in macchina; “fu un raptus di sconforto“-afferma-“non voleva smettere, si mordeva le mani fino a farle sanguinare”. Il padre allora prese i cavetti che aveva nell’autovettura e decise di porre fine a quella drammatica situazione, in cui era stato lasciato solo dallo Stato.

Subito dopo aver strangolato il figlio Angelo, Crapanzano si costituì ai carabienieri mostrandogli il corpo nel bagagliaio. Il giudice affermò la difficoltà del caso riconoscendo  nella sentenza di condanna l’inesistente tutela delle famiglie disagiate.

Commenti

commenti