Miniguida: le grandi coppie del cinema.

Il cinema è magico perché ha la capacità di insinuare nella nostra mente immagini, frasi, facce, alimentando l’immaginario collettivo e addirittura essere un punto di partenza per esso.

Oggi un piccola guida alle coppie del cinema, nel senso più ampio del termine.

Katharine Hepburn e Spancer Tracy sono stati una coppia sfavillante sullo schermo e nella vita privata, protagonisti insieme di ben 9 film. L’eleganza di lei, la faccia simpatica di lui: negli anni 40, 50 e 60 ci hanno fatto ridere e sognare. Un capolavoro su tutti: Indovina chi viene a cena? (1967) commedia divertente quanto impegnata, sui temi dell’integrazione razziale. Ma non dimenticate il divertente La segretaria quasi privata (1957), ambientato in un grottesco “Ufficio quesiti”, che va avanti sull’infallibile memoria della Hepburn, nel quale sta per essere introdotto un computer.

Una coppia altrettanto prolifica è quella Loren-Mastroianni, il re e la regina del cinema italiano. Ieri, oggi e domani (1963) con il leggendario spogliarello della Loren; il delicatissimo Una giornata particolare (1977) ambientato durante la visita di Hitler a Roma nel ’38, Questi fantasmi tratto dalla omonima commedia di Eduardo de Filippo e il classico Matrimonio all’italiana, a cui vanno aggiunte altre 7 pellicole.

La coppia Loren – Mastroianni si trasforma in un triangolo se inseriamo anche Vittorio de Sica che come attore è stato compagno della Loren in 8 film mentre, nei panni di regista, ha diretto entrambi in Ieri oggi e domani, Matrimonio all’italiana e la Loren da sola nel grande La ciociara e ne I girasoli (1969).

Abbiamo visto: le coppie non sono solo quelle che si creano sullo schermo, ma anche quelle che i registi creano con attori feticcio. E’ il caso di sir Alfred Hitchcock con James Stewart, protagonista di uno dei miei film preferiti, La finestra sul cortile e poi di Nodo alla gola, L’uomo che sapeva troppo e La donna che visse due volte (1958). O con Grace Kelly diretta, oltre che in La finestra sul cortile, anche in Caccia al ladro (1955) e il Delitto perfetto (1954).

Fellini ha fatto di Mastroianni il suo attore simbolo in ben 7 pellicole. La dolce vita (1960) ha creato il tipo di approccio tramite cui, ancora oggi, guardiamo alla roma degli anni 60. Oltre a questo 8 e mezzo, La citta delle donne, Ginger e Fred sono capolavori del genio immaginifico del regista.

In tempi più recenti l’attore feticcio per eccellenza è diventato Johnny Depp, beniamino di Tim Burton già dal 1990 con Edward mani di forbice. Seguono Ed Wood, Il Mistero di Sleepy Hollow e poi La fabbrica di cioccolato, La sposa cadavere, Sweeny Todd e Alice in wonderland senza soluzione di continuità.

O anche Leonardo Di caprio che, dall’incontro con Martin Scorsese in Gangs of New York, è passato a ruoli sempre più impegnativi nei bellissimi The departed (2006) e Shutter Island (2010) uscendo dal tunnel di Titanic.

E che dire di Woody Allen per cui ogni moglie è stata un feticcio. Poi, quando sono finite le mogli, il feticcio  è diventato Scarlett Johansonn in Scoop, Match Point, Vicky Christina Barcelona.

Infine le coppie che non sono state prolifiche ma che, con una o pochissime apparizioni, hanno scatenato la passione dei fan 😀

Audrey Hepburn è diventata icona di eleganza e leggerezza in Colazione da Tiffany (1961). Ma la coppia Hepburn-Peppard, non fa scintille come quella Hepburn-Cary Grant in Sciarada (1963), una splendida storia in bilico tra commedia e thriller, elegante e divertente.

Humphrey Bogart e Lauren Bacall in uno qualsiasi dei film che li vedono protagonisti (de Il grande sonno vi ho parlato qui), sono una coppia migliore di Bogart-Ingrid Bergman in Casablanca, secondo me. Ma potete smentirmi, è questione di gusti.

L’unico e il solo, Quentin Tarantino, ha reso la scena del ballo tra Uma Thurman e John Travolta in Pulp Fiction un icona del cinema contemporaneo e i due  una coppia perfetta.

Infine Tony Curtis e Jack Lemmon in A qualcuno piace caldo (1959) sono un duo comico così rodato, da indurti a sperare che ne abbiano fatte a palate di film insieme.

 

 

Commenti

commenti