Gli effetti della pornografia

Il fatto che sesso oggi sia uguale a pornografia, non mi preoccupa tantissimo… non sono una bacchettona, non mi scandalizzo facilmente: certi modi di vedere l’argomento sono sempre esistiti, me ne rendo conto purtroppo. Ma non era l’unico… esistevano ancora esseri umani che davano il giusto valore all’atto sessuale in sè… non esistevano forse i canali di informazione che oggi arrivano dappertutto senza controllo.

Un ragazzino un pò di anni fa comunque teneva il giornale pornografico sotto il letto e parlava di questo argomento con gli amici, si imparava pian piano e si scoprivano le varie tappe di una sana sessualità… ma finiva tutto lì. Non era bombardato da informazioni eccessive che pian piano hanno soppiantato anche tutte le altre…e per le altre, intendo la scoperta reciproca, non attraverso un monitor, della sessualità, arrivandoci per gradi. La sensualità di una donna bastava da sola a far scatenare il desiderio, anche con un semplice gesto come chinarsi e lasciare intravedere un pò il seno, non necessariamente esponendo parti del corpo in abbondanza.

Inoltre, la pornografia, secondo me ha “innalzato” il tetto dell’eccitabilità… nei maschietti soprattutto, che consumandola in maniera quasi maniacale, a partire già dai 12 – 13 anni, hanno sempre maggior bisogno di stimoli. Per intenderci: se a 15 anni un adolescente ha visto variazioni sul tema in tutte le salse (e non scendo in particolari) che “stimoli” pensiamo possano sentire alla vista di un accenno di seno, o di un movimento casuale e sensuale della donna? Per me nulla… ha bisogno sempre di più: come un tossico, che per sentirsi bene necessita di dosi sempre maggiori di droga. Il risultato è che  rischia di ritrovarsi a 40 anni impotente, perchè comunque l’argomento non è infinito e a un certo punto tutto quello che si poteva far vedere è stato già visto: non dà più stimoli. Assuefazione. Lo trovo di un triste, di un deprimente…

Dal sesso tra uomo e donna si passerà alle altre “varietà”… i trans per esempio: come mai avranno questo enorme successo? Perchè a quanto pare sono sempre di più… e la pedofilia dilagante. E non ultimo (vedi il recente caso di sesso estremo in cui una ragazza è morta impiccata) la pornografia violenta. Saturazione e sempre più bisogno di “vedere” l’argomento rinnovato, reso appetibile con fantasiose varianti che nulla hanno a che fare con la realtà. Chi gestisce queste cose, chi della pornografia ne ha fatto un business, lo sa benissimo. Una miniera d’oro per loro.

Lo so, mi sono dilungata troppo. Ma a volte, non esistono abbastanza parole per spiegare certi argomenti…

Commenti

commenti