Buon compleanno Colazione da Tiffany!

Il famoso film diretto da Blake Edwards nel 1961 compie 50 anni. In occasione di questo speciale “compleanno” sono state organizzate diverse inizative volte a celebrare questo capolavoro del cinema e ovviamente la sua protagonista: l’icona di stile ed eleganza Audrey Hepburn. Indimenticabile la sua interpretazione e la sua figura filiforme avvolta da uno stupendo tubino nero disegnato da Hubert De Givenchy che da allora è divenuto un must have nell’armadio di ogni donna. L’impatto della Hepburn in quel ruolo e con quel vestito è paragonabile sicuramente a quello che Marilyn Monroe fece con il suo subway dress nel film “Quando la moglie è in vacanza” di Billy Wilder. Proprio la Monroe era stata scelta come protagonista al posto della Hepburn, si è scoperto recentemente, ma rifiutò la parte perchè temeva che interpretare il ruolo di una prostituta d’alto borgo avrebbe potuto nuocere alla sua immagine già fragile.

Il film, tratto dall’omonimo romanzo di Truman Capote (ma di cui è trasposizione poco fedele), rese Audrey Hepburn immortale: una vera è propria diva era nata, una donna e attrice che per la sua eleganza e genuinità era destinata ad entrare nell’immaginario collettivo come simbolo di raffinatezza. Il ruolo valse all’attrice il David di Donatello e una nomination all’Oscar come migliore attrice, che però fu vinto dalla nostrana Sophia Loren. Due Oscar andarono al film per la colonna sonora composta da Henri Mancini tra cui compare la celebre “Moon River”.

Venerdì scorso, 29 Luglio, la pellicola è stata riproposta dall’Academy of Motion Pictures in versione digitale blu ray al Samuel Golden Theater di Beverly Hills e il cinquantenario sarà celebrato anche al prossimo Festival del Cinema di Roma, previsto per la fine di Ottobre (e più precisamente dal 27 Ottobre al 4 Novembre), con una proiezione del film e di una retrospettiva dedicata ad Audrey Hepburn che fu legata all’Italia dal matrimonio con Andrea Dotti, da cui ebbe un figlio, Luca.
Inoltre, la Integrity Toys produrrà una serie di bambole in edizione limitata che ripropongono il personaggio di Audrey, Holly, vestita con il bellissimo tubino nero insieme ad un cappottino rosa o ad un impermeabile arancio.

La scena più famosa, che dà poi il titolo al film e al libro, è sicuramente quella in cui la protagonista Holly Golightly, vestita di tutto punto, si ferma davanti alla vetrina della celebre gioielleria della Quinta Strada di New York, Tiffany, dove dice <<non può accaderti nulla di male>> e sfila da una busta brioche e cappuccino.

Questo film è la riprova che le cose belle non passano mai di moda ma, anzi, più passa il tempo e più affascinano. Insomma, quale migliore modo per festeggiare, di rileggere il romanzo o riguardare il film? E allora buona lettura/visione!

Commenti

commenti