Il tronchetto della “felicità”

Se volete far vivere a lungo la vostra pianta “portafortuna”, non esitate a tagliar via tutte le foglie gialle del tronchetto e le parti ingiallite delle foglie ancora sane (usate una cesoia ben affilata). Così userà le sue energie per farne crescere di nuove e non per tenere in vita quelle malaticce.

Ma il segreto per ottenere dei maxi tronchetti della felicità è questo: basta bagnarli solo ogni 15 giorni e bisogna pulire spesso le foglie. Tenere un batuffolo di ovatta sempre imbevuto di acqua sulla parte alta del tronco, proprio dove si attaccano le foglie. Una volta al mese trasferitelo nella vasca da bagno (proteggendo il fondo con carta da giornale) e lavatelo ben bene con la doccia per togliere la polvere dalle foglie.

Poi dategli una piccola scossa per far cadere l’acqua eccedente e lasciatelo lì finchè si sarà perfettamente asciugata.

Commenti

commenti