Ricordi

Mi chiedo spesso cosa siano i ricordi, perchè a volte ci torturano, altre ci solleticano, altre ci rammaricano…

Che senso hanno, se sono cose già passate, vissute e finite?

Eppure c’è chi di ricordi vive, altri ne muoiono, altri sopravvivono aggrappati a ricordi felici che danno un senso all’esistenza grigia del presente.

Roba strana, i ricordi…

Sono attimi inafferrabili che guizzano  veloci  come farfalle che stuzzicano curiose. S’insinuano lentamente e riaffiorano come germogli dalla fresca zolla. A volte opprimono come macigni.

Eppure, danno un senso alla vita. Aiutano la conoscenza del passato attraverso racconti.

 Memorie infinite che come tasselli di un puzzle gigantesco vagano per l’aria in cerca d’approdo. Possono restare chiusi in un cassetto per anni, ma quando lo apri t’accorgi subito che fanno parte di te anche nel presente.

Sono te.

Chiamali flash, chiamali come vuoi, condizionano sempre la tua vita nel bene e nel male.

I ricordi, inafferrabili, incolori, amorfi…non moriranno mai.

Commenti

commenti