CFDA Awards 2011: i fashion Oscars.

Lo scorso 17 marzo, durante un prestigioso Gala organizzato da Nadja Swarovski, erano state comunicate le nomination per quelli che vengono considerati “gli Oscar della moda”, ovvero i CFDA Awards 2011  organizzati dal Council of Fashion Designers of America che ogni anno assegna dei riconoscimenti alle personalità di spicco nel campo che non vede mai crisi. Tra di essi ovviamente stilisti, designers ma anche un premio tutto dedicato alle più forti icone fashion. Già durante il party Swarovski (partner del Consiglio da quasi 10 anni), era stato annunciato che il premio “Icona Fashion dell’anno” sarebbe andato alla onnipresente Lady Gaga, definita dal CFDA “Fashion Revolutionary”, una rivoluzionaria dello stile che con il proprio gusto (sebbene si debba parlare per lo più di “fantasia”) fa letteralmente impazzire i fans e non.

La serata di lunedì 6 giugno ha visto come al solito un lungo strascico di star hollywoodiane che, a maggior ragione al gala della moda, si sono fatte notare per le loro scelte stilistiche: il red carpet al Lincoln Center di New York ha visto sfilare ospiti quali Alessandra Ambrosio, Naomi Watts, Chloe Sevigny, la casalinga disperata Marcia Cross, le “golden twins” Mary Kate e Ashley Olsen, Ashley Green, Miranda Kerr, Kirsten Dunst e una (come al solito) eccentrica Lady Gaga in abito bustier con strascico di Thierry Mugler e una fluorescente parrucca verde, accompagnata dalla sorella Natali Germanotta.

A ricevere il premio più desiderato, “Womenswear Designer of the Year”, Jack McCollough e Lazaro Hernandez di Proenza Schouler mentre Alexander Wang ha vinto quello per il miglior designer di accessori.
Sofia Coppola ha consegnato il premio alla carriera “Lifetime achievement Award” al designer che la considera la sua musa, Marc Jacobs, uno dei più giovani stilisti (ha solo 48 anni) ad essere omaggiato con un tale riconoscimento (che l’anno scorso era andato a Michael Kors).

Sito ufficiale dove trovare tutte le info e i nomi dei vincitori anche di premi minori.

Commenti

commenti