C’è sempre da imparare

Il tempo passa, ma non invano per fortuna. A parte gli anni dell’infanzia, tutto il resto dell’esistenza è una lunga serie di lezioni da imparare. Che portano a una consapevolezza quasi completa.

“Quasi” perchè c’è sempre da imparare, durante il cammino…

C’è chi lo capisce e chi no. C’è chi crede di essere ormai incapace di stupirsi, convinto che la sua vita sia ormai stabile, ferma, con punti di riferimento ben precisi. E non si aspetta più nulla… anzi: le novità lo atterriscono. Teme di perdere le sicurezze fino ad allora faticosamente guadagnate, e fa di tutto per mantenere quell’equilibrio. Quindi resta lì a lasciarsi vivere…

E c’è chi invece è convinto, che tutto potrebbe cambiare da un momento all’altro. Non si sente mai arrivato, resta in attesa di qualcosa che “potrebbe” accadere ancora. Spera sempre in un’evento, un cambiamento, un capovolgimento che possa dare colore e profumo alla sua vita. Non resta in attesa…

In ogni incontro, in ogni occasione, lui  (o lei) vede l’opportunità del miglioramento. E ne è fermamente convinto: ebbene, io ammiro queste persone. Non si scoraggiano mai, non sono mai tristi, sono certi che si può sempre migliorare… a loro, il tempo non fa paura. Dietro l’angolo possono sempre incappare in qualcosa di meraviglioso. Anche a 80 anni.

Commenti

commenti