Minestrone alla genovese al profumo di pesto

Il minestrone, è uno di quei piatti che sempre più difficilmente compare sulle nostre tavole: parlo di un minestrone profumato, a base di verdure fresche appena raccolte…

(Possibilmente, ma ci accontentiamo anche di quelle comprate al mercato o addirittura surgelate: non si può avere tutto!) Con l’aggiunta del pesto, poi, diventa ancora più gustoso, e “nuovo”…

Ingredienti per 4 persone

  • 100 gr di spinaci
  • 100 gr di bietole
  • 150 gr di fagioli freschi, o altrimenti una tazza di fagioli secchi lessati
  • 1 patata di media grandezza
  • metà di un piccolo cavolo verza
  • 1 piccola cipolla
  • 1 porro (solo la parte bianca)
  • 1 zucchina
  • 1 pezzetto di zucca
  • 3 – 4 cucchiai di pesto
  • 200 gr di pasta mista
  • olio d’oliva
  • sale
  • 1 dado (facoltativo)
  • parmigiano grattugiato (facoltativo)
  • basilico

Nettate e lavate tutti gli spinaci e le bietole, tagliuzzateli molto grossolanamente. Pelate e lavate la patata, taglietela a dadini, spuntate la zucchina e riducete anch’essa in piccoli pezzetti. Affettate sottilmente la cipolla e il porro e insieme a un cucchiaio d’olio, fateli appassire leggermente in una casseruola dai bordi alti. Nel frattempo mondate il cavolo eliminando le foglie sciupate e le costole più grosse, lavate le foglie e tagliatele a listarelle.

Nella pentola in cui avete leggermente soffritto il porro e la cipolla, unite tutte le verdure insieme ai fagioli e alla zucca tagliata a dadini, mescolate, fate insaporire e quindi unite 1 litro e 1/2 d’acqua, usando, se c’è, anche quella in cui hanno bollito i fagioli secchi. Unite il dado, aggiustate di sale e portate a bollore.

Cuocete a calore moderato per circa 1 ora e 1/2, se i fagioli sono freschi; se sono secchi già lessati, 40 minuti saranno più che sufficienti. Una ventina di minuti prima di servire aggiungete acqua calda se necessario, aumentate la fiamma e a pieno bollore unite la pasta. Cuocete a calore moderato mescolando spesso, per il tempo indicato. Nella ricetta originale vanno le trenette, ma è facoltativo…

Togliete dal fuoco quando la pasta è ancora leggermente al dente, unite il pesto, mescolate. Lasciate riposare un paio di minuti e servite, accompagnato da parmigiano grattugiato, per chi lo gradisce, e qualche fogliolina di basilico fresco.

Commenti

commenti