“Buccunotti”

Ogni volta che torno in Calabria, faccio una sosta “obbligatoria” a Frascineto. Luogo in cui c’è un’area di servizio bellissima, a mio parere… un grande spazio circondato dalle montagne.

Appena scendo dall’auto, se è primavera inoltrata, un’aroma intenso di liquirizia mi investe. Da quelle parti cresce in gran quantità, per cui viene lavorata e ridotta in confettini, bastoncini, e pasticche varie. Ma non è della liquirizia che voglio parlarvi…

A frascineto vendono dei buonissimi “Buccunotti”: dolcetti di forma ovale, ripieni di confettura di amarene o di mandorle. Deliziosi… e a Taverna, il mio paese, c’è una pasticceria e un panificio, in cui li fanno altrettanto bene. Vi propongo la ricetta.

Ingredienti:

500 gr di farina

200 gr di strutto o burro

200 gr di zucchero

3 uova intere e un tuorlo

La scorza grattugiata di un limone

1 pizzico di sale

250 gr di marmellata di amarene

Zucchero al velo

Burro e farina per gli stampini

1 bustina di lievito

Disporre la farina a fontana sul piano di lavoro e mettere al centro lo zucchero, le uova, lo strutto, un pizzico di sale e il lievito. Lavorare accuratamente l’impasto fino ad ottenere una pasta liscia e morbida.

Stenderla accuratamente in una sfoglia sottile e con essa foderare gli stampini di varie forme (ma al mio paese sono a forma di barchetta, più o meno) imburrati e infarinati. Versare all’interno di ognuno un cucchiaio di marmellata, quindi chiudere con dell’altra pasta coprendo bene anche i bordi.

Infornare a 160 gr per circa 30 minuti e, dopo averli tolti dallo stampino, servirli freddi spolverizzati di zucchero a velo… ulteriore informazione: a Taverna crescono molte amarene, per cui è facile che la marmellata usata per questo delizioso dolcetto,  sia fatta in maniera casalinga.

Il che significa sapore più deciso, consistenza diversa… il risultato cambia leggermente, con le comuni marmellate in commercio. Ma sono buonissimi lo stesso.

Commenti

commenti