Coccoliamo i nostri oggetti preziosi

A volte teniamo tantissimo a piccoli oggetti che hanno un valore affettivo per noi. Oppure a gioielli particolari che amiamo tantissimo, e che di tanto in tanto ci piace tirar fuori.

Ma hanno perso, in certi casi, l’antico splendore… cosa fare per riportarli alla “luce?”

Vi dò una serie di piccoli accorgimenti…

La bigiotteria non ha più l’allure di un tempo? Niente di meglio che passarla per un paio di volte in segatura calda e ben asciutta. Ha un potere lucidante che noterete subito.

L’alabastro, invece, si passa con essenza di trementina, poi si lava con acqua e detersivo, infine si protegge con un filo di cera incolore. Vostro marito ha una collezione di monete antiche? Ditegli di tenerle immerse per 24 ore in succo di limone.

E questa sembra proprio strana… tutti i gioielli d’oro si puliscono in un battibaleno, immergendoli nel succo e nei semini del melone (non buttateli, dunque). Dopo un’oretta circa, i gioielli vanno lavati e asciugati con un panno pulito. Perchè non tutto ciò che luccica è d’oro… ma ciò che è oro, deve luccicare!

I Turchesi vanno lasciati a bagno in acqua e sale fino: fa benissimo. Lo noterete dal colore, che ritornerà vivace.

Infine, gli oggetti laccati non vanno mai e poi mai, puliti con l’acqua: si rovinerebbero irrimediabilmente. Meglio la farina inumidita in olio d’oliva. Solo così, la loro pregiata lucentezza non viene alterata.

Commenti

commenti