Benitez attacca l’Inter: “Il fallimento colpa di medici e mercato”

Rafa Benitez non ci sta: dopo gli ottimi risultati ottenuti da Leonardo, la stampa italiana ha dato addosso pesantemente al tecnico ex Liverpool per il fallimento della prima parte della stagioen nerazzurro, e il diretto interessato si è difeso in una lunga intervista a ‘Marca’:

Sul tema degli infortuni e delle ricadute all’Inter vorrei eviden­ziare alcuni dati per non essere frainteso: l’80% degli infortunati aveva avuto lesioni uguali o simili nei due anni precedenti. Il mio staff e io inoltre non controllavamo il lavoro del medico e del suo preparatore atletico.

Le terapie e la fase di recupero non la seguivamo noi. Dopo che siamo andati via dall’Inter, in un mese ci so­no stati altri 8 infortuni mu­scolari. Sono sicuro che a Ro­berto Mancini tutto quello che ho detto suonerà familiare. Alcuni giocatori si so­no impegnati di più, altri di meno, ma succede dopo un’annata con tan­te vittorie.

Perché sono stato esonerato so­lo a fine dicembre dopo che se ne parlava già un mese e mezzo prima? Perché Morat­ti sapeva come lavoravamo e le difficoltà che incontravamo giorno dopo giorno. Spe­rava che le cose andassero bene, ma non c’erano le condizioni per andare avanti, co­sì siamo arrivati a un accordo per la rescis­sione.

La mia avventura era iniziata discre­tamente e giocavamo bene, ma gli infortu­ni hanno cambiato un po’ tutto, comprese le dinamiche interne. E settimana dopo setti­mana si cambiava opinione su di noi a seconda del risul­tato della partita…

Perché non ho avuto acquisti in esta­te? Non lo so e sono stato io il primo ad essere sorpreso. Non ci potevo credere: ad agosto mi avevano chiesto un progetto per migliorare la squadra, io l’ho messo per iscritto e ai dirigenti è piaciuto, ma non è stato attuato.

Per Leonardo, però, il mercato è stato fatto: “Cinque elementi com­prati e 6 ceduti: adesso la squadra è prati­camente nuova. Vedere parte del mio pro­getto attuato adesso mi fa riflettere”.

Commenti

commenti