Basket-day

Dopo il ko dell’Armani Jeans Milano a Treviso, Siena tenta la fuga a Montegranaro.

Cantù affronta l’ennesimo derby lombardo, stavolta è contro la Vanoli-Braga Cremona.

La Montepaschi Siena sbarca a Montegranaro per un match che si rivela ostico. Per i toscani sono da segnalare le assenze di Bo McCalebb, Lavrinovic ed Aradori. La Fabi-Shoes trova in Ford un ottimo terminale offensivo: con 24 punti, 17 rimbalzi ed un 42 di valutazione finale, tiene i suoi in corsa fino alla fine. Gli ospiti partono bene per poi subire la rimonta dei padroni di casa, nonostante Dejan Ivanov non sia in grande forma. Marko Jaric segna i suoi primi punti da quando è tornato in Italia e, con Kaukenas, porta i toscani ad un’importante successo esterno che porta la Montepaschi a +6 sull’Armani Jeans Milano. La Fabi-Shoes Montegranaro non trova la vittoria a causa della mancanza di freddezza nel finale e, in classifica, viene agganciata al quarto posto da Bologna ed Avellino, a quota 18 punti.

Cantù si presenta a Cremona per l’ennesimo derby lombardo conquistando una vittoria importante. L’ex di turno, coach Trincheri, ritrova la sua vecchia squadra e, con il suo precendente club, colleziona l’ottava sconfitta su otto partite. La Bennet parte male ma, nel secondo tempo ritrova Mazzarino e Green che portano gli ospiti a vincere un match dal finale incandescente. Cremona forza quattro triple nel finale e sbaglia il tiro sulla sirena con Foster, chiudendo con il risultato conclusivo di 68-71. Cantù recupera due punti a Milano e si mette a distanza di due lunghezze. La Vanoli-Braga si tiene a distanza di una vittoria dalle ultime della classifica: Teramo e Brindisi.

La Lottomatica ospita, ed asfalta, la Scavolini-Siviglia con un imponente 85-53. Dopo il -41 subito a Tel Aviv, in Eurolega, Roma risponde con una vittoria schiacciante. Pesaro deve rinunciare a Collins, mentre Filipovski deve affrontare un’irritante prestazione da parte di Washington, tenuto in campo nonostante i troppi errori. Fino alla pausa lunga, il match rimane in equilibrio, con gli ospiti sul -6, 42-36. Al rientro in campo, Roma dà la svolta con un break di 20-0 ed un periodo da 29-3 che consegna alla Lottomatica sia il successo interno sia il ribaltamento del -7 subito all’andata. La classifica vede i capitolini a quota 16 punti, a pari merito con gli abruzzesi di Pesaro.

La Dinamo arriva a Caserta e serve l’overtime per decidere la sfida. 94-90 a favore dei sardi che, nel tempo regolamentare, agguantano il pareggio solo nel finale e sbagliano il tiro decisivo, sull’81-81, con Diener e Sacchetti. Nel supplementare è Hunter a portare Sassari al successo che vale la salita a quota 14 punti in classifica. La Pepsi, dopo tre vittorie consecutive, incappa nel KO casalingo con una Dinamo temeraria. Non basta un Bowers da 24 punti (di cui 10 nel solo quarto periodo) e 30 di valutazione. Polemica nel finale a causa delle accuse di coach Sacripanti, costretto a subire offese da parte di un arbitro, come accadde a Recalcati nel derby con Milano.

Bologna ospita Brindisi e schiera il suo nuovo acquisto: Kc Rivers, presentatosi con 17 punti nel 93-72 a favore degli emiliani. 50-2 è il risultato portato dai punti delle due panchine e, per sottolineare il successo della Candian Solar, c’è il 20-6, per quanto riguarda gli assist, ed il 118-63 di valutazione dei due team. Per la Enel Brindisi non basta un Roberson da 24 punti per trovare un successo di grande importanza poichè, per Bologna, ci pensano Sanikidze (14 punti) ed il nuovo acquisto. I pugliesi sono ancora ultimi, agganciati da Teramo, mentre per la Canadian Solar è quarto posto, a pari merito con Montegranaro ed Avellino.

Biella si presenta in casa del fanalino di coda in cerca di punti importanti. A Teramo, però, vince la Banca Tercas per 87-73, dopo un tempo supplementare, nonostante la palla persa da De la Fuente a 2” dal termine dell’overtime. Diener gioca bene e regala una vittoria importante ai suoi, ora a pari merito con Brindisi, a 10 punti. Biella, partita bene, subisce il pareggio a 9” dalla fine e, nel quarto supplementare, cede ai padroni di casa: ora i punti rimangono 14.

Avellino sbanca Varese con un 83-85 che vale il quarto posto. Con un Dean da 26 punti e Thomas da 49 di valutazione finale (15 punti nel quarto periodo con 10/11 dai liberi), l’Air trova un successo importante per la classifica. Per la Cimberio è l’ottava sconfitta in nove match, un andamento fallimentare per questo roster.

foto da Sportitalia.it

Commenti

commenti